Australian Open - Federer parte alla grande. Berrettini passeggia


by   |  LETTURE 6402
Australian Open - Federer parte alla grande. Berrettini passeggia

Da Melbourne - Con un pizzico di ritardo rispetto al solito, Roger Federer ha colto la sua prima vittoria stagionale. La lunga tournée in Sudamerica ha indotto il fuoriclasse svizzero a esordire direttamente agli Australian Open, rinunciando così all’ATP Cup.

Il sei volte campione ha bagnato la sua 22ma partecipazione consecutiva all’Happy Slam (record assoluto davanti a Lleyton Hewitt) piegando 6-3 6-2 6-2 Steve Johnson in appena un’ora e 21 minuti di assolo. Nonostante l’americano fosse reduce dal successo al Challenger di Bendigo, il numero 3 del seeding ha lasciato le briciole durante tutto il match, contribuendo a riscaldare la gremitissima Rod Laver Arena anche in una giornata uggiosa come quella odierna.

Il 38enne di Basilea ha messo in mostra fin da subito un rendimento eccezionale, oltre a facilitarsi la vita con un break in avvio di ciascun set. Le statistiche rispecchiano il dominio dell’elvetico, che ha archiviato la pratica con un bilancio di +14 tra vincenti ed errori gratuiti.

Ottimo anche il livello del servizio (11 aces e 74% di prime palle in campo) e notevole l’efficienza nei pressi della rete (72%). Nemmeno la breve interruzione per pioggia sul 4-1 del primo set e la conseguente chiusura del tetto hanno rallentato il ‘Fed Express’, che scaccia ogni dubbio sulla sua condizione e invia un serio messaggio alla concorrenza.

“Sono davvero contento. Ho lavorato duro nelle ultime settimane, mi sono sentito bene e per fortuna sono riuscito a ripetermi anche in partita” – ha dichiarato Federer ai microfoni di Jim Courier. Al secondo turno ci sarà il vincente tra Filip Krajinovic e il qualificato Quentin Halys.

Nessun problema per Matteo Berrettini, primo azzurro a scendere in campo sulla suggestiva Melbourne Arena. Il tennista romano ha liquidato 6-3 6-1 6-3 la wild card locale Andrew Harris, al suo debutto assoluto in un torneo dello Slam.

“Non è stato facile perché non giocavo un match ufficiale da novembre. Sono soddisfatto della mia performance. Voglio pensare partita dopo partita, sono felice di essere tornato in salute e di aver espresso un ottimo tennis” – ha spiegato l’allievo di Vincenzo Santopadre.

Dopo aver centrato la sua prima vittoria in carriera nel main draw degli Australian Open, Matteo partirà nettamente favorito mercoledì contro Tennys Sandgren o Marco Trungelliti. Al momento dell’interruzione per pioggia, Jannik Sinner era avanti di due set dinnanzi all’australiano Max Purcell, mentre Fabio Fognini, Stefano Travaglia e Lorenzo Giustino avranno tutti bisogno di una rimonta miracolosa da due set sotto.

Unica grande sorpresa l’eliminazione di Denis Shapovalov per mano di Marton Fucsovics in quattro set. Clicca qui per visualizzare tutti i risultati della giornata odierna