AUSTRALIAN OPEN - Errani ko e la Garbin perde 6-0 6-0. ´Non mi era mai successo!´


by   |  LETTURE 2900
AUSTRALIAN OPEN - Errani ko e la Garbin perde 6-0 6-0. ´Non mi era mai successo!´

Quarantasette minuti di gioco sono stati più che sufficienti a Marion Bartoli per sbarazzarsi di Tathiana Garbin. La mestrina non è praticamente mai entrata in partita e soprattutto non è mai riuscita a portare a casa neppure un gioco.

La francese si è infatti imposta per 6/0 6/0, grazie ai breaks ottenuti, sia nel primo che nel secondo parziale, al primo, terzo e quinto game. Davvero un brutto modo di porre fine alla propria carriera per la Garbin, che aveva annunciato mesi fa il proprio ritiro proprio dopo questo torneo, anche se pare intenzionata a proseguire la propria carriera di doppista e soprattutto a concentrarsi sul proprio nuovo incarico di allenatrice di Romina Oprandi.

A fine incontro, in conferenza stampa Tax ha dichiarato: "Ho avuto una grande carriera e sono contenta di aver terminato agli Australian Open. Ho pagato l'emozione perchè questo è il mio ultimo match in carriera e soprattutto l'aver curato molte pubbliche relazioni durante la preparazione invernale.

Però ripeto, è stata una bella carriera e non ho nessun rimpianto. Oggi ho fatto del mio meglio ma lei ha giocato benissimo. Comunque non avevo mai perso 6-0 6-0 e prima di smettere volevo provare anche questa sensazione (ride, ndr).

Adesso per il futuro ho in progetto una collaborazione con la Federazione, anche se per ora non svelo nulla. Scoprirete tutto nei prossimi giorni." Purtroppo è stata subito sconfitta anche Sara Errani, davvero sfortunata a pescare la campionessa Venus Williams, spesso e volentieri inarrivabile sulle superfici veloci e soprattutto negli Slams.

La tennista emiliana ha comunque fatto del proprio meglio, ma non è stato sufficiente, e lo score è stato abbastanza impietoso con lei: 6/3 6/2. Avvio fulminante della Errani, che già al primo gioco ha impensierito non poco Venere, prima di breccarla al terzo game e salire a condurre per 2-1 e servizio.

La reazione dell'americana è però devastante e già al game successivo ecco puntuale il controbreak, addirittura a 0, poi bissato all'ottavo gioco, questa volta a quindici. Sul 5-3 Sara ha poi avuto anche una buona chance per tornare in corsa ma l'esperienza della Williams è stata sufficiente per annullarle una palla del controbreak e soprattutto per portare a casa il set per 6/3.

Altalenante anche il secondo parziale dove prima Venus e poi Sara han piazzato, al terzo e quarto game, break e controbreak. Dal 2-2 però Venus è di nuovo salita in cattedra e per l'azzurra c'è stato ben poco da fare.

Da registrare tra l'altro una piccola sospensione per pioggia sul 6-3 5-2.