Zverev nella storia del Roland Garros: batte Rafa Nadal ed entra in un ristretto club

Un momento storico per il tennis: il tedesco si aggiunge a due tennisti capaci di estromettere Rafa da Parigi

by Gennaro Di Giovanni
SHARE
Zverev nella storia del Roland Garros: batte Rafa Nadal ed entra in un ristretto club
© Clive Mason/Getty Images

Game over al Philippe Chatrier. Alexander Zverev ha posto probabilmente fine alla carriera al Roland Garros di Rafael Nadal battendolo con un secco 6-3 7-6 6-3. Il tedesco ha retto l’emotività di un incontro, che si annunciava fin dalle prime battute ricche di tensione, per i motivi che tutti conoscevano.

Un risultato storico, seppur confinato in una fase della carriera dello spagnolo dove non poteva essere competitivo come i tempi migliori. Zverev è infatti solo il terzo giocatore (su settantaquattro) capace di superare il 37enne maiorchino su questi campi.

Solo Robin Soderling e Novak Djokovic (nel suo caso due volte), sono stati capaci di batterlo a Parigi, in oltre vent’anni di carriera, nella quale ha collezionato 112 vittorie e 14 trofei. Numeri incredibili che fanno capire quanto incredibile e irripetibile sia stata la storia del campione iberico in questo torneo.

“Ad essere sincero non so cosa dire.

Grazie Rafa da parte di tutto il mondo del tennis. È un grande onore. Ho visto Rafa giocare per tutta la mia infanzia. Ho avuto la fortuna di giocare con lui da professionista. Ho avuto la fortuna di giocarci due volte su questo bellissimo campo.

Non so cosa dire. Oggi non è il mio momento. È quello di Rafa. Non parlerò molto. Grazie", ha dichiarato con molto rispetto il 27enne tedesco, lasciando poi la giusta luce dei riflettore a Rafa.

Rafa ancora in campo anche l'anno prossimo?

Nadal intervistato poi nel post partita non ha confermato con certezza le voci sul ritiro.

Questa quindi potrebbe non essere stata la sua ultima a Parigi. Rafa ha comunque ricevuto uno splendido tributo da parte del pubblico e ha dato appuntamento ad un altro speciale evento per lui e i suoi tifosi, le Olimpiadi, che si giocheranno sempre a Parigi qui sui campi in terra battuta.

L'ex numero uno potrebbe scendere in campo in un doppio davvero intrigante con il suo erede Carlos Alcaraz: "Non so se questa sarà l’ultima volta, non ne sono sicuro al 100%, ma se dovesse esserlo ho provato delle sensazioni straordinarie.

È davvero bello ricevere tutto questo amore nel posto che amo di più” ha dichiarato Rafa. “Per me sono stati due anni molto difficili per via degli infortuni. Il sogno è sempre stato quello di tornare a giocare questo torneo.

Sicuramente questo non è stato il primo turno ideale. Ho giocato al massimo delle mie potenzialità ma non è stato facile”, ha concluso.

Roland Garros Rafa Nadal
SHARE