Atp Ginevra - Ancora male Djokovic: Machac vola in finale. Darderi ko in semi a Lione

Niente da fare per il campione serbo a Ginevra. Etcheverry batte l'italo-argentino a Lione

by Antonio Frappola
SHARE
Atp Ginevra - Ancora male Djokovic: Machac vola in finale. Darderi ko in semi a Lione
© Dan Istitene/Getty Images

I dubbi che Novak Djokovic avrebbe voluto chiarire a sé stesso disputando il torneo ATP 250 di Ginevra sono probabilmente aumentati al termine di una settimana tutt'altro che incoraggiante. Il serbo ha provato a invertire la tendenza negativa, ma le cose non sono andate secondo i piani e hanno attivato un ulteriore campanello d'allarme nella sua mente.

Rari gli sprazzi di vero Djokovic che nel corso dell'evento svizzero ha invece continuato a oscillare in un pericoloso vortice di alti e bassi che desta preoccupazione in vista del Roland Garros. A ottenere il successo più importante in carriera, questa volta, ci ha pensato Tomas Machac che ha guadagnato la finale imponendosi con il punteggio di 6-4, 0-6, 6-1.

Atp Ginevra - Ancora male Djokovic: in finale ci va Machac. Darderi si ferma in semi a Lione

Djokovic è stato il primo a portarsi avanti nel quarto game trovando un angolo impossibile con il dritto e beffando Machac.

Il ceco ha ripagato il serbo con la stessa moneta sul 2-4 rimettendosi in carreggiata grazie a un eccezionale dritto. Nella fase decisiva del set, Djokovic ha iniziato a faticare sia dal punto di vista tennistico che fisico e azzardato un improbabile serve & volley sulla palla break che ha permesso a Machac di chiudere il set nel successivo turno di battuta.

Il belgradese, apparso in grande difficoltà, si è fatto misurare la pressione e ha parlato per diversi minuti con i dottori. In suo soccorso è intervenuto il 23enne di Beroun che nella seconda frazione di gioco, dove sicuramente Djokovic ha colpito meglio la palla e utilizzato la sua esperienza, ha commesso troppi errori gratuiti e doppi falli senza mai aggiornare il suo score fermo su un rumoroso zero.

Quando l’inerzia sembrava poter cambiare, il serbo ha nuovamente smarrito la via e spedito lungo di metri quel rovescio che tante volte lo ha tirato fuori dai guai nelle situazioni complicate. Machac ne ha approfittato e, rifiutando quello scenario chiamato contro break, raddoppiato e poi triplicato scrivendo la parola fine addirittura sul 6-1.

Quello maturato sul Campo Centrale dell’Open Parc è forse un 6-2, 6-4 troppo severo nei confronti di Luciano Darderi, soprattutto per il livello espresso nel secondo set. A Lione, sarà Tomas Martin Etcheverry a giocarsi la finale e la possibilità di sollevare al cielo il primo titolo ATP al terzo tentativo.

L’argentino ha fatto la voce grossa nel parziale inaugurale brekkando l’avversario due volte consecutive dall’1-1 e mostrando una fase difensiva esemplare da una parte all’altra del campo. È proprio dopo aver prodotto la sforzo massimo per provare a rientrare nella partita che Darderi si è sciolto nel giro di pochi minuti.

Il 22enne ha avuto tre chance per andare a servire sul 5-3, ma Etcheverry ha risposto presente ancora affidandosi a una serie di incredibili recuperi e al dritto. Nel game successivo, Darderi ha perso il duello sulla diagonale del dritto e il match cedendo la battuta.

SHARE