Luca Nardi torna sui suoi passi e cambia coach: le ultime sull'azzurro

Il giocatore marchigiano torna ad allenarsi a Pesaro con il suo vecchio allenatore Francesco Sani

by Andrea Tebaldi
SHARE
Luca Nardi torna sui suoi passi e cambia coach: le ultime sull'azzurro
© Clive Brunskill-Getty Images

Dopo quattro mesi si conclude il rapporto professionale tra il tennista Luca Nardi e la Galimberti Tennis Academy diretta dall'ex tennista professionista Giorgio Galimberti. Un periodo decisamente positivo per il giocatore italiano nato il 6 agosto 2003 che ha conquistato tra gli altri risultati il Challenger di Napoli 2024 ma soprattutto ha battuto il numero 1 del mondo Novak Djokovic al recente torneo Masters 1000 di Indian Wells dopo essere entrato in tabellone come lucky loser.

E' stato un periodo nel quale il giocatore pesarese è arrivato anche al suo best ranking di numero 75 del mondo. Nardi non si allena più quindi al Queen's Club di Cattolica ma ritorna a fare base a Pesaro con il suo vecchio allenatore Francesco Sani che ha allenato il tennista pesarese dall’età di 5 anni quando Luca ha iniziato a giocare.

Giorgio Galimberti: ”Gli auguriamo le migliori fortune”

A dare l'annuncio è stato il tecnico Giorgio Galimberti con queste parole: "Luca Nardi ha espresso il desiderio di tornare ad allenarsi con il suo primo allenatore Francesco Sani al Circolo Baratoff di Pesaro e noi come Academy gli auguriamo le migliori fortune - sottolinea Galimberti -.

Quando è arrivato al Queen’s Nardi era il numero 118 della classifica mondiale, abbiamo lavorato intensamente in questi mesi, nemmeno troppo fortunati visto l’infortunio alla caviglia che ha condizionato la prima parte di questo lavoro".

”Ciononostante sono arrivati risultati importanti, ad iniziare dalla vittoria contro il numero 1 del mondo, Novak Djokovic, che hanno proiettato Luca al best ranking in carriera al numero 75 nella classicica Atp, abbattendo così il muro dei primi 100 del mondo che era il suo obiettivo sin dal 2023 ed ora raggiunto. Non possiamo che ritenerci soddisfatti del lavoro svolto insieme" conclude Galimberti.

Luca Nardi
SHARE