Non solo Jannik Sinner: Berrettini, Arnaldi e tanti altri. L'Italia vola

Numeri importanti per il tennis azzurro, la crescita è totale

by RedazioneMia
SHARE
Non solo Jannik Sinner: Berrettini, Arnaldi e tanti altri. L'Italia vola
© Graham Denholm/Getty Images

In quel di Miami abbiamo assistito ancora una volta ad un torneo con Jannik Sinner protagonista. Vedere l'azzurro negli ultimi atti dei tornei, di qualsiasi categoria, fa parte ormai della normalità e Sinner ha un record in questo 2024 davvero spaventoso.

Ma il tennis italiano sta avendo note positive anche per altri tennisti, che vanno oltre Jannik Sinner. Di certo Volandri con la Davis e in generale tutti i tifosi non possono che sorridere, a partire dal buon torneo del numero due azzurro Lorenzo Musetti a Miami: il carrarino è rimasto stabile al 24 posto ma ha guadagnato qualche posizione ed ha mostrato segnali di ripresa dopo la paternità.

Ora dovrà difendere punti sulla terra battuta ma in tanti aspettano qualche nuovo exploit. Ottime notizie anche da Matteo Arnaldi che dopo gli Ottavi a Miami ha migliorato il suo Best Ranking ed è ora numero 35 delle classifiche mondiali.

Stabile Flavio Cobolli mentre crolla Sonego che perde ben otto posizioni nel ranking ed i due ora sono vicinissimi con Cobolli che potrebbe anche scavalcarlo a breve. Best Ranking anche per Luciano Darderi che guadagna tre posizioni.

Progressi anche per Nardi grazie al torneo di Napoli e Fognini che guadagna qualche punticino sempre grazie al Challenger campano. Anche dietro la Top 100 arrivano buone sensazioni: best Ranking per Matteo Gigante e avanzano anche Matteo Berrettini ed Andrea Vavassori che guadagnano rispettivamente 9 e 14 posizioni.

Insomma l'Italia non è solo Sinner, grande crescita ovunque e diversi Best Ranking, il movimento azzurro è in costante crescita e l'altoatesino sta trainando tutti gli altri. Buone notizie quindi per il tennis italiano.

Sinner vince e convince ma la sua dedizione costante al sacrificio invita tutti gli altri a crescere e l'Italia potrebbe avere presto nuovi Top 100, è quello l'obiettivo.

Jannik Sinner
SHARE