Binaghi esalta il prodotto: "Jannik Sinner è un fenomeno ma..."



by REDAZIONEMIA

Binaghi esalta il prodotto: "Jannik Sinner è un fenomeno ma..."
© Clive Brunskill/Getty Images

Il mondo del tennis italiano vive uno dei momenti più floridi della sua storia e i risultati in campo si vedono eccome. Jannik Sinner è probabilmente la più chiara dimostrazione ma vi sono tanti esempi in campo e il futuro del nostro paese è in ottime mani.

Ne è convinto anche il presidente della FIT Angelo Binaghi che - in queste ore - è intervenuto ai microfoni della Gazzetta dello Sport commentando la stagione appena andata e svelando alcuni dei suoi piani più interessanti per il futuro.

Ai microfoni della rosea il presidente della federa ha parlato così: "Il significato di questa vittoria in Coppa Davis è che il lavoro paga sempre, soprattutto proiettato ad orizzonti temporali medio lunghi e non pensando solo all'immediato.

Ovviamente ci devono essere anche campioni e noi abbiamo Jannik Sinner che è un fenomeno ma serve una struttura tecnica in grado di affiancargli giocatori di valori e una capacità organizzativa che funge da stimolo per le nuove generazioni.

Serve anche un po' di fortuna ma credo che ce la siamo meritata. A Bologna eravamo quasi fuori ma dopo abbiamo avuto una grande reazione". Binaghi ha avuto belle parole anche per il capitano di questa squadra, l'ex tennista ed ora leader Filippo Volandri.

Il presidente ha infatti chiarito: "C'è tantissimo di Volandri in questa vittoria. Confesso che quando lo scegliemmo nutrivo qualche perplessità legata alla mancanza di esperienza, però Filippo conosceva bene tutti e aveva stretto un legame con i tennisti.

Questa Davis il primo di tanti successi? Sinner ha le qualità per diventare il numero uno al mondo ma abbiamo vinto la Davis in un momento dove non c'era Matteo Berrettini e Musetti e Sonego non erano al picco del rendimento.

Inoltre Arnaldi è un debuttante. Credo che abbiamo davvero potenzialità enormi ancora da sfruttare". Inoltre un commento sulla candidatura di Milano per la Davis dal 2025: "Il nostro fulcro, gli Internazionali d'Italia, sono a Roma. Per questo vedo altri eventi al Nord, un futuro con eventi li", ha chiosato infine Binaghi.

Jannik Sinner