Atp Finals - Sinner continua a fare la storia: batte Medvedev e conquista la finale

Il 22enne di San Candido è il primo italiano a conquistare la finale nel Torneo dei Maestri

by Antonio Frappola
SHARE
Atp Finals - Sinner continua a fare la storia: batte Medvedev e conquista la finale
© Clive Brunskill/Getty Images

In 54 anni di storia, solo quattro tennisti italiani hanno avuto il merito e l’onore di partecipare in singolare alle ATP Finals. Adriano Panatta è stato il precursore e nel 1975 si qualificò per il Masters di fine anno a Stoccolma.

L’ex campione del Roland Garros, però, non riuscì a ottenere nemmeno un successo nelle sfide con Manuel Orantes, Arthur Ashe e Ilie Nastase. È toccato poi a Corrado Barazzutti, ex capitano azzurro sia in Coppa Davis che in Fed Cup, capace di prendere parte alla storica edizione disputata nel 1978 al Madison Square Garden di New York.

Anche Barazzutti, nonostante un girone alla portata, chiuse con tre sconfitte. Mettendo per un attimo da parte le incredibili gesta realizzate da Fabio Fognini e Simone Bolelli in doppio nel 2015, l’Italia ha dovuto attendere 41 stagioni per ripresentarsi al Torneo dei Maestri.

Matteo Berrettini, al termine di una eccezionale annata, siglò la prima vittoria tricolore in singolare aggiudicandosi il terzo incontro di Round Robin con Dominic Thiem a Londra nel 2019. Un infortunio agli addominali lo ha poi costretto ad abbandonare anzitempo il torneo a Torino nel 2021.

Ed è in questo contesto che Jannik Sinner ha fatto il suo esordio alle Finals: sostituendo il connazionale e mostrando il suo talento nei match con Hubert Hurkacz, vinto nettamente, e Daniil Medvedev, perso al tie-break del terzo set.

Dati, statistiche e numeri che non fanno altro che confermare la portata dell’impresa compiuta da Sinner questa settimana. Nessun azzurro si era mai spinto così lontano, nessun azzurro aveva sconfitto in carriera due numeri uno differenti - Carlos Alcaraz e Novak Djokovic - o alimentato in questo modo le speranze di un prestigioso trionfo.

È nato a San Candido il 16 agosto 2001, l’unico tennista italiano in grado di conquistare la finale nell’evento che riunisce i migliori otto giocatori della stagione.

Atp Finals - Sinner vola in finale: battuto Medvedev in tre set

Un altro primato italiano registrato da Sinner riguarda le partite vinte in una singola stagione, che sono diventate 61 grazie al 6-3, 6( 4) 6-7, 6-1 maturato contro Medvedev: è il dodicesimo sigillo contro un top 10 nel 2023.

L’andazzo della disputa è risultato chiaro sin dalle primissime fasi. Il russo ha provato ad allungare gli scambi per sfiancare Sinner; mentre l’azzurro ha cercato di difendersi attaccando con il primo colpo dopo il servizio.

Lo schema di Medvedev sembrava poter sortire gli effetti desiderati, ma la luce si è improvvisamente spenta per qualche minuto nel terzo e nel quarto game. Sinner ha rischiato di perdere da 40-0 e si è salvato con una prima carica; Medvedev ha seguito lo stesso percorso nel gioco successivo, ma non è riuscito a cancellare la palla break a causa del terzo grave errore con il dritto.

L’italiano ha acquisito fiducia e ha ricorso una sola volta ai vantaggi - sul 3-1 - fino al fondamentale 6-3. Entrambi si sono liberati piuttosto facilmente dei rispettivi turni di battuta nel secondo set. A interrompere la serie di game interlocutori ci ha pensato Medvedev sul 4-3: Sinner ha risposto presente e si è andato a prendere il punto a rete sulla chance offerta al rivale.

Non poteva che palesarsi un tie-break come giusto epilogo di un set super equilibrato. Il russo ha imposto il proprio ritmo agli scambi, intrappolato Sinner nella sua ragnatela e chiuso 7-4. La pausa dovuta al medical time-out richiesto da Medvedev per un problema non identificato ha rinviato di qualche istante l’inizio della terza frazione di gioco.

In apertura, il nativo di Mosca ha colpito un doppio fallo sulla terza palla break break concessa a Sinner e litigato con alcuni degli spettatori presenti in tribuna invitandoli a raggiungere il campo. Un nervosismo che non lo ha di certo aiutato a gestire l’esplosività e l’intelligenza tattica di Sinner. Il doppio break di vantaggio ha scritto la parola fine con un sonoro 6-1.

Atp Finals
SHARE