Atp Metz - Humbert vince il torneo di casa: ko Shevchenko. Mannarino trionfa a Sofia

Sarà Humbert il numero uno francese. Il 25enne profeta in patria

by Antonio Frappola
SHARE
Atp Metz - Humbert vince il torneo di casa: ko Shevchenko. Mannarino trionfa a Sofia
© Dean Mouhtaropoulos/Getty Images

Sommando i titoli conquistati in carriera prima del 2023, Adrian Mannarino non riuscirebbe a raggiungere la stessa cifra registrata quest’anno. A Sofia, il francese ha aggiunto il quinto trofeo - il terzo stagionale - in bacheca e inserito il suo nome in una lista piuttosto speciale.

Dal 1990, infatti, solo tre tennisti erano riusciti a vincere tre tornei nel corso della stessa annata dopo aver compiuto 35 anni: Roger Federer, Novak Djokovic e Rafael Nadal. Un risultato straordinario conseguito grazie al 7-6( 6) , 2-6, 6-3 inflitto a Jack Draper.

Il britannico ha probabilmente avvertito la pressione che comporta la prima finale nel circuito maggiore e non ha giocato con la stessa spensieratezza degli scorsi giorni. Entrambi hanno strappato la battuta al rispettivo avversario in apertura: Mannarino grazie a un delizioso rovescio incrociato; Draper a una risposta tanto profonda quanto incisiva.

La tendenza è cambiata in maniera immediata e nessuno dei due ha più concesso occasioni fino al 6-6. L’unico punto perso al servizio nel tie-break ha penalizzato Draper - colpevole di aver sbagliato uno slice non impossibile - e portato in vantaggio Mannarino.

Atp Metz - Humbert trionfa nel torneo di casa. Mannarino conquista il titolo a Sofia

Nel secondo parziale, il britannico ha reagito alla grande e ha brekkato in due occasioni il rivale riaprendo in pochi minuti la partita.

Nella terza frazione di gioco, Mannarino ha messo a segno il grande colpo sul 3-2, quando ha trovato una splendida risposta vincente sulla palla break. Draper non ha mollato e, sotto 3-5, si è procurato due chance del contro break.

Mannarino non si è lasciato condizionare dalle emozioni e ha rimediato con una prima carica e un velenoso rovescio. Solo 15 punti hanno impedito al 35enne di chiudere l’anno come numero uno francese. A realizzare l’obiettivo, a 1.846,9 km di distanza da Sofia, ci ha pensato Ugo Humbert.

Nel torneo di casa - il Moselle Open - il tennista classe 1998 ha battuto con un doppio 6-3 Alexander Shevchenko. Humbert ha mantenuto l’imbattibilità nelle finali disputate a livello ATP siglando un singolare 4-0.

Il quarto titolo in carriera è arrivato al termine di una settimana che lo ha visto soffrire esclusivamente contro Dominic Thiem all’esordio e che gli consentirà di fare il suo debutto in top 20. Nel primo set della sfida con Shevchenko, Humbert ha lasciato per strada solo tre punti al servizio e si è fatto bastare il break ottenuto nel quarto game per merito di una risposta profondissima che ha messo fuori gioco il russo.

L’incontro si è rivelato leggermente più equilibrato nel secondo parziale. Shevchenko ha cancellato due palle break consecutive sul 2-2, ma ha rinviato il discorso di appena 5 minuti: un brutto errore a rete ha compromesso il suo cammino.

Humbert ha polverizzato in pochi istanti l’unica opportunità offerta al russo sul 4-3 affidandosi ancora a un servizio in formato deluxe.

SHARE