Il tennis torna in Cina dopo i tre anni di stop per Covid: la nota dell'ITF

In questa stagione, il tour torna a fare tappa nel Paese cinese dopo i tre anni di assenza dovuti alla pandemia Covid. L'Atp farà il suo ritorno, dubbi sulla Wta

by Martina Sessa
SHARE
Il tennis torna in Cina dopo i tre anni di stop per Covid: la nota dell'ITF

Il tennis torna in Cina. Questa è la decisione che ha preso l’International Tennis Federation, come riportato da Reuters. Dopo tre anni di stop dovuto alla pandemia Covid19, dove il Paese cinese si è isolati rispetto agli altri Stati che, secondo le dovute precauzioni hanno ospitato alcuni di questi tornei, il calendario riabbraccia alcuni appuntamenti importanti in Oriente.

Ora che la pandemia è giunta al termine, anche in Cina, può tornare una fetta importante della precedente programmazione tennistica: prima dello scoppio della pandemia, erano 25 tornei ITF femminili e 15 maschili che venivano ospitati in quelli confini.

“Ci è stato assicurato che i giocatori, le loro famiglie e le squadre possono competere in sicurezza in Cina, quindi non vediamo l'ora di riportare il World Tennis Tour l”", ha dichiarato il presidente dell'ITF David Haggerty a Reuters.

"Abbiamo ricevuto assicurazioni che è sicuro per i giocatori, le loro famiglie e le loro squadre competere in Cina, quindi non vediamo l'ora di tornarci", ha dichiarato David Haggerty, presidente dell'ITF. "Il nostro scopo fondamentale è sviluppare il tennis di base in 213 paesi diversi con condizioni sociali, economiche e politiche diverse", ha concluso il presidente Haggerty.

Il ruolo della WTA

Con questa decisione, la programmazione tennistica del circuito maschile tornerà alle ‘origini’, dove per origini si intende il periodo che precede lo scoppio della pandemia Covid-19.

Importanti tornei torneranno: il più importante sarà il torneo ‘1000’ di Shanghai, che come gli altri non si svolge da tre anni. Sulla Wta, invece, non è certo che il ritorno avvenga. Il CEO della Wta Steve Simon aveva dichiarato di non voler tornare in Cina per via del caso Peng Shuai, scomparsa dopo le accuse di molestie fatte nei confronti di un politico locale, ma le ultime notizie parlano di un allentamento della tensione tra Cina e l’organizzazione tennistica.

Quindi anche il circuito femminile potrebbe tornare nel Paese orientale, per quei 25 tornei che mancano da tre anni. Photo credits: Rolex/Jon Buckle

SHARE