I titoli per nazione del 2022: guida la Spagna di Nadal e Alcaraz, Italia sul podio

Il Paese iberico è prima, ma non solo grazie ai due campioni Slam. Sul podio ci sono anche USA e Italia

by Martina Sessa
SHARE
I titoli per nazione del 2022: guida la Spagna di Nadal e Alcaraz, Italia sul podio

Tempo di bilanci non solo per i singoli giocatori. Finita la stagione, è il momento di classificare anche le Nazioni che si sono imposte quest’anno, guidati dai tennisti simbolo, ma non solo loro: una classifica che si basa sul numero di titoli vinti in base alla nazionalità di chi ha trionfato.

A guidare questa classifica, non può non esserci la Spagna. Il Paese Iberico ha dominato tour e ranking con i due suoi uomini chiave: l’esperienza di Rafael Nadal; la gioventù di Carlos Alcaraz. Per quest’ultimo, cinque titoli in questa stagione: gli US Open sono stati la ciliegina sulla torta per il numero uno del mondo.

Segue Rafael Nadal con quattro titoli, di cui due Slam. Gli altri cinque sono: due di Roberto Bautista Agust; il Masters 1000 di Canada di Pablo Carreno Busta; un titolo ciascuno per Alberto Ramos-Vinolas e Pedro Martinez. Secondo posto per gli Stati Uniti d’America con otto titoli.

Guida Taylor Fritz con tre titoli: il 250 di Eastbourne, il 500 di Tokyo, il 1000 di Indian Wells. Due per Reiplly Opelka, uno per Maxime Cressy e due per Brandon Nakashima: per quest’ultimo San Diego e le Next Gen Atp Finals.

Italia sul podio, ma c’è la questione Russia

Al terzo posto c’è l’Italia, che ha vinto sei titoli totali. Due per Matteo Berrettini, entrambi su erba (Stoccarda e Londra); due per Lorenzo Musetti, uno sulla terra rossa e uno su cemento.

Si aggiunge il titolo caduno per Jannik Sinner e Lorenzo Sonego: per il primo è arrivato il trofeo di Umago, per il secondo quello di Marsiglia. Asterisco di questa classifica è la Russia. I giocatori russi hanno vinto in totale sette titoli, ma ai fine statistici, al Paese ne vengono riconosciuti solo tre, quelli vinti prima del ban di marzo: Karatsev a Sydney, Rublev a Marsiglia e Dubai.

Altri Paesi in questa classifica sono in realtà presenti per lo più perché uno di loro ha vinto tutto per quel Paese: i cinque della Serbia di Novak Djokovic; i quattro del Canada di Felix Auger Aliassime; i tre della Danimarca di Holger Rune; i tre della Norvegia di Casper Ruud.

Solo l’Australia, a quota tre, ha visto tre candidati diversi: Nick Kyrgios, Alex De Minaur e Thanasi Kokkinakis. Photo credits: Getty Images

Alcaraz
SHARE