Davis Cup Finals - Musetti, niente miracolo con Fritz. Italia-Usa 1-1



by   |  LETTURE 2571

Davis Cup Finals - Musetti, niente miracolo con Fritz. Italia-Usa 1-1

Sarà il doppio a decidere il quarto di finale delle Davis Cup FInals tra Italia e Stati Uniti a Malaga. A Fabio Fognini e Simone Bolelli il compito di regalare alla squadra di Filippo Volandri il punto del 2-1 dopo la vittoria di Lorenzo Sonego contro Frances Tiafoe e la sconfitta di Lorenzo Musetti contro Taylor Fritz.

Tanto legittima quanto ricca di recrminazioni. Dura poco più di un set la difesa del tennista azzurro, che perde un rocambolesco primo set al tie break e che non sfrutta un 2-0 a disposizione nel cuore del secondo set perdendo di fatto gli ultimi sei giochi della sfida.

Emblematico il 7-6(7) 6-2 finale che matura dopo poco meno di due ore di gioco. Mardy Fish si affiderà invece a Jack Sock e Tommy Paul salvo cambiamenti dell'ultima ora. Difficile vedere in campo Tiafoe. Il primo set è come da prassi monotematico.

Quanto meno fino al 5-6. Musetti dilapida una situazione di 40-15 e si ritrova ad annullare un set point a un passo dal jeu decisif. Peraltro dopo un massacrante scambio sulla diagonale sinistra. Il tie break si rivela il più democratico degli scenari, con 'Muso' che chiude con qualche recrminazione.

Manco a dirlo manca sul 5-3, non sfrutta un set point sul 6-5 e uno sul 7-6 mentre si spegne sul 7-8, concedendo a Fritz il vantaggio dopo una leggerezza nei pressi della rete. Musetti si spegne sul 2-0. Fritz riporta la parità Il secondo set vive due vite ben precise.

La prima ha come protagonista Musetti, la seconda inevitabilmente Fritz. Deresponsabilizzato dalla situazione di punteggio, il tennista azzurro lascia andare con più scioltezza i colpi da fondocampo e dopo un buon turno di battuta si porta sullo 0-40 in risposta.

Fritz cancella tutte le chance di break, si rialza con un mega-parziale di 3-2 che non gli consente solamente di spaccare completamente la partita ma anche di acquisire la fiducia valida per tracciare completamente la differenza.

Soprattutto con il servizio. Il resto è ovviamente un contorno del tutto necessario, con lo statunitense che con la battuta a disposizione si porta sul 5-2 e che assesta poi la seconda spallata decisiva. Photo Credit: Getty Images