Davis Cup Finals - Sonego da impazzirre, si inchina Tiafoe. Italia-USA 1-0



by   |  LETTURE 2576

Davis Cup Finals - Sonego da impazzirre, si inchina Tiafoe. Italia-USA 1-0

Che Lorenzo Sonego potesse dare fastidio a Frances Tiafoe sembrava abbastanza inevitabile. Che potesse addirittura vincere in due set e regalare il primo punto alla squadra di Filippo Volandri nella complicatissima sfida contro gli Stati Uniti, beh, forse un po' meno.

Soprattutto considerando il precedente di Parigi-Bercy. Nonostante le pesantissime assenze di Jannik Sinner e Matteo Berrettini, sotto il tetto di Malaga l'Italia mette la testa avanti nel quarto di finale proprio grazie a 'Sonny' che dopo un primo set straordinario arpiona al tie break la vittoria.

Emblematico il 6-3 7-6(7) finale che vale a Musetti contro Fritz addirittura il match point e che soprattutto cancella la sconfitta contro Borna Gojo di dodici mesi fa. Meglio di così, era difficile pensare di partire.

Atteggiamento. Questa la sostanziale differenza tra i due nel corso della prima frazione. Tiafoe fa poco, Sonego tanto. Il break nel cuore del set che traccia la differenza è una conseguenza logica e per il tennista azzurro portare a termine il primo set è sostanzialmente una formalità.

Differente la seconda frazione, con Sonego che flirta con il break (pur senza procurandosi palle break) in avvio e con Tiafoe che tenta di dare qualche piccola miglioria al piano tattico. Quanto meno di limare e limitare il numero degli errori non forzati e di approcciare in maniera più aggressiva.

Lo statunitense si affaccia sul 40-40 nel corso del sesto game, il terzo di risposta, ma soprattutto alla fine di uno scambio lunghissimo in cui non concede punti di riferimento, costringe 'Sonny' a sbagliare con il dritto.

L'azzurro reagisce con un ace di pura personalità. Sonego si tira fuori dai guai, approfitta di qualche scelta poco lucida di Tiafoe sul 3-3 e con due passanti facili facili si ritrova sul 15-30 e sul 30-40. Tiafoe cancella la palla break con una straordinaria prima vincente e nonostante una seconda parità rimette la testa avanti.

Tiafoe si lascia nuovamente travolgere dalla fretta e con due errori piuttosto grossolani di dritto va sotto 0-30. Tiafoe accorcia con lo schema servizio-dritto nonostante una straordinaria risposta dell'azzurro, ma soprattutto fa la stessa cosa anche nel quindici immediatamente successivo.

Lo statunitense sopravvive e Sonego chiamato a servire per rimaner nel set chiude a zero con tre ace nel mezzo. Sotto 5-6 e sul 30-30, Sonego sbaglia un dritto al volo in avanzamento abbastanza comodo e annulla poi il set point con una prima vincente.

TIafoe rimane appiccicato al game e alla seconda chance a disposizione rimane impietrito sulla prima di Sonego, che questa volta con il dritto in avanzamento non sbaglia. Piuttosto democratico il tie break, con Tiafoe che non sfrutta un mini-break di vantaggio e Sonego che in maniera coraggiosa ricompatta il punteggio sul 3-3.

Sonego approfitta di un altro errore di Tiafoe sul 4-3 e vola sul 6-4. Tiafoe organizza una risposta straordinaria e cancella il primo match point, mentre sul secondo applica alla perfezione lo schema servizio-rovescio. Sonego dal 6-4 al 6-7 non trema.

Anzi. Con un ace sul 7-7 si procura un terzo match point. L'azzurro si libera di uno scambio massacrante con un rovescio praticamente vincente alla fine di uno scambio massacrante e regala così il punto del vantaggio all'Italia.