Rai, assurda decisione sulla finale Djokovic-Ruud



by   |  LETTURE 46944

Rai, assurda decisione sulla finale Djokovic-Ruud

Tra pochi minuti andrà in scena la tanto attesa finale delle Atp Finals di Torino 2022, un evento che vedrà protagonisti il campione serbo Novak Djokovic e il tennista norvegese Casper Ruud. Il tennista balcanico ha la possibilità di entrare ancora di più nella storia in quanto in caso di vittoria avrà la chance di raggiungere a quota 6 titoli alle Finals il campione svizzero e suo grande rivale Roger Federer.

Una sfida molto attesa tra due dei tennisti più in forma in questo momento, Nole ha finora vinto tutte le sfide a disposizione e in caso di successo si porterà a casa anche 4 milioni e 700 Mila dollari, Ruud è alla sua terza grande finale della stagione, dopo il Roland Garros e gli Us Open, e cerca la prima vittoria.

Negli ultimi minuti i social sono esplosi riguardo una particolare scelta relativa alla finale. La Rai ha infatti comunicato che l'atto finale tra Djokovic e Casper Ruud verrà trasmesso su Rai Sport HD. Nel corso di tutto il torneo la Rai ha trasmesso una partita al giorno su Rai2 e fa discutere che il match più atteso di questo momento, una delle finali più belle dell'anno non verrà trasmessa su una rete nazionale.

Rai, polemiche sulla programmazione

Tante polemiche sulla programmazione della Rai e in questi minuti la Rai trasmetterà su Rai2 il film 'Amore nel castello di ghiaccio ', un film che poteva essere trasmesso in qualsiasi altro momento.

Un gesto 'pessimo' che mostra come ancora una volta il tennis venga forse sottovalutato troppo nel nostro paese. Un momento dove l'Italia è tra le principali squadre al mondo e con le Finals Atp che si disputano a Torino, ma nonostante ciò, tutto questo non basta.

Tante polemiche sui social ed una situazione destinata a far discutere anche in futuro. Per la cronaca il match verrà trasmesso su Sky Sport Uno e appunto su Rai Sport HD o RaiPlay per chi vuole seguire il match su Internet. Una brutta pagina per il tennis italiano e non certo per colpa del nostro sport. Photo Credit: Getty Images