Next Gen Finals - Stricker vince un match pazzesco: si complica il cammino di Musetti

Lo svizzero si aggiudica tre tie-break su cinque e stacca il pass per le semifinali

by Luca Ferrante
SHARE
Next Gen Finals - Stricker vince un match pazzesco: si complica il cammino di Musetti

Alle Next Gen Atp Finals di Milano si è conclusa una seconda giornata ricca di sorprese e sfide dal pronostico ribaltato. Dopo la vittoria azzurra di Francesco Passaro nel derby contro il connazionale Matteo Arnaldi, non c'è stata quasi partita nella seconda gara in programma nella sessione pomeridiana: lo statunitense Brandon Nakashima domina per lunghi tratti la battaglia con il ceco Lehecka e ottiene il secondo successo consecutivo nella competizione col punteggio finale di 4-1, 4-3, 4-2.

Non delude le aspettative l'incontro tra il britannico Jack Draper e il taiwanese Tseng Chun-hsin. Il britannico, chiamato a reagire alla prima sconfitta subìta nel gruppo rosso, parte male e cede all'avversario il primo set per 4-1.

Alla lunga il talento del giocatore inglese prende il sopravvento sul 21enne di Tapei, che non riesce a mettere in difficoltà il rivale nei turni di servizio: Draper, con coraggio, pareggia il conto dei parziali (4-2) e di forza si aggiudica il delicatissimo tie-break del terzo per sette punti a due.

Un break nel quarto set permette poi al 20enne di Sutton di gestire le fasi finali del confronto e portarsi a casa la vittoria.

Musetti-Stricker, che battaglia

È lotta vera nella sfida di cartello e più avvincente dell'intera giornata.

Fin dai primi scambi lo svizzero Dominic Stricker, giò autore di una gran partita martedì contro Draper, dimostra di poter reggere i ritmi e il gioco di Lorenzo Musetti, che non riesce a sorprendere l'avversario nei primi game per portarsi avanti nel punteggio.

Il match si prolunga così al tie-break: sul 4-4 il nativo di Carrara commette un errore importante dopo una buonissima prima; il rivale non ne approfitta però fino in fondo, sbagliando uno smash sul set point.

Sotto 6-5, l'italiano non rientra pienamente nel parziale, cedendolo a seguito di un altro gratuito di dritto. La sfida non 'cambia pelle' nel secondo set, con la potenza e l'ottima battuta dello svizzero (soprattutto da sinistra) che non consentono al talentuoso 20enne di garantirsi neppure un minimo vantaggio.

L'equilibrio resta e il tie-break è inevitabile. Musetti cerca di reagire e si conquista un minibreak graze a uno splendido dritto lungolinea (4-2): al cambio di campo il toscano spreca due set point, non concretizzando le ghiotte opportunità, e si arrende nuovamente al 20enne elvetico per 8-6.

Stricker diventa sempre più padrone degli scambi, con un Musetti demoralizzato e quasi affaticato. Lo svizzero, sulle ali dell'entusiasmo per i primi due parziali conquistati, trova lo spiraglio per ottenere il break in apertura di terzo.

L'italiano non si dà per vinto e piazza il contro-break sfruttando un pesantissimo doppio fallo del suo avversario. Il risultato è un altro, il terzo di giornata, tie-break. Stricker si procura anche un match point, prontamente annullato dal numero 23 del mondo, che non molla e si aggiudica il terzo in extremis mantenendo alta la concentrazione (9-7).

Tutto riaperto ma i due continuano a giocare con la stessa intensità e riescono a non concedersi neppure una minima chance di break. Nel quarto tie-break si arriva fino al 6-6 e Musetti dimostra di aver 'imparato' le lezioni di quelli precedenti, trovando il guizzo vincente per allungare la sfida al quinto (8-6).

L'incontro entra ufficialmente nella storia per il quinto tie-break consecutivo: Stricker sale di livello proprio nel momento cruciale e conquista l'accesso alle semifinali, complicando il cammino dell'azzurro nella manifestazione. Photo credit: Instagram Lorenzo Musetti.

SHARE