Atp Parigi-Bercy - Rune da paura, 1ª finale 1000 in carriera. Aliassime si ferma a 16

Continua la straordinaria ascesa di Rune, che batte il quarto Top 10 in fila e che per la prima volta in carriera raggiunge una finale 1000. Aliassime si ferma a quota sedici vittorie consecutive alla vigilia delle Finals

by Perri Giorgio
SHARE
Atp Parigi-Bercy - Rune da paura, 1ª finale 1000 in carriera. Aliassime si ferma a 16

Nel remake della finale a Basilea di una settimana fa, Holger Rune ribalta completamente le gerarchie. Il tennista norvegese mette fine alla striscia di sedici vittorie consecutive di Felix Auger Aliassime e raggiunge la prima finale ‘1000’ in carriera (a Parigi-Bercy) grazie alla quarta vittoria di fila ai danni di un Top 10.

Dopo Hurkacz, Rublev e Alcaraz, il talento norvegese aggiunge il canadese sulla lista delle vittime nella settimana grazie a un 6-4 6-2 che in realtà lascia pochissimo spazio alle interpretazioni. Quarta finale in fila tra le altre cose per Rune, che aveva perso anche a Sofia e che aveva vinto a Stoccolma.

Sfiderà il vincente della sfida tra Novak Djokovic, sei volte campione del torneo, e Stefanos Tsitsipas.

Rune: la spavalderia è una ricchezza

La spavalderia è un elemento che a 19 anni può risultare abbastanza utile.

Soprattutto sui palcoscenici più luccicanti. Lo ha già imparato Holger Rune, che di tempo per mettere la testa a posto e ‘pensare’ in campo ne avrà decisamente parecchio. Il danese gioca un primo set praticamente perfetto.

Serve bene, risponde bene, si muove bene, ma soprattutto costringe Aliassime a una partita assolutamente scomoda. Fuori dagli standard e assolutamente povera di punti di riferimento, soprattutto negli scambi prolungati. Sistematicamente aggredito, il canadese lascia per strada il servizio in avvio e si ritrova sul 30-30 anche sul 2-4.

Chiamato a blindare il primo set, Rune chiede e ottiene il sostegno della prima palla e mette la testa avanti.

Aliassime si ferma dopo 16 vittorie: Rune una macchina

Nella lunghissima cavalcata che gli aveva consentito di vincere tre tornei in fila e di staccare un pass per Torino, il canadese aveva perso il servizio appena tre volte.

Ecco: il 4-0 Rune in avvio di secondo set racconta in maniera piuttosto chiara il rendimento di Aliassime, evidentemente svuotato (più fisicamente che mentalmente) a un passo dalla quarta finale in quattro settimane e soprattutto dall’ultimo appuntamento della stagione.

Rune, che non apporta ovviamente modifiche al copione, nonostante qualche ingenuità mantiene in maniera piuttosto gagliarda gli ultimi due turni di battuta e per la prima volta in carriera raggiunge una finale di categoria. Photo Credit: Getty Images

SHARE