Next Gen ATP Finals 2022, cambiano ancora le regole

Le Intesa San Paolo Next Gen Atp Finals, in programma dall’8 al 12 novembre all’Allianz Cloud di Milano, cambiano ancora

by Alessandro Maggi
SHARE
Next Gen ATP Finals 2022, cambiano ancora le regole

Le Intesa San Paolo Next Gen Atp Finals, in programma dall’8 al 12 novembre all’Allianz Cloud di Milano, cambiano ancora. Due nuove regole per una versione più veloce e spettacolare, per un torneo che dovrà fare a meno di Carlos Alcaraz e Jannik Sinner.

Nuove modulazioni per la Next Gen

Saranno le notti dei migliori otto Under 21 del mondo (o quasi), parleranno ovviamente molto italiano, e regaleranno un grande show agli appassionati milanesi. Sono le Intesa San Paolo Next Gen Atp Finals, in programma dall’8 al 12 novembre all’Allianz Cloud di Milano, l’ex Palalido che rappresenta oggi la struttura più “fresca” nel capoluogo lombardo in attesa della maxi arena per le Olimpiadi 2026 (il cui progetto, a dire il vero, procede un po’ a rilento).

E l’organizzazione vuole rendere il tutto ancora più spettacolare e veloce. Negli anni sono state molteplici le innovazioni per regalare uno show differente, e al tempo stesso più coinvolgente, per quello che resta un appuntamento unico nel suo genere nello sport mondiale.

Due le ultime introduzioni per questa edizione 2022: lo shot clock si accorcia e il cambio campo iniziale scompare. Partiamo dai turni di battuta: quando uno scambio si chiuderà con un ace, un servizio vincente o in caso negativo con un doppio fallo, il tempo che trascorrerà tra la fine del punto e l’inizio di quello seguente passerà dai canonici 25 secondi ad appena 15.

Una corsa contro il tempo insomma, che certamente avrà un impatto non da poco sul gioco, e sulla serenità di chi andrà a servire. Inoltre, non ci sarà il cambio campo al termine del primo game: diversamente, sarà effettuato ogni tre giochi, a meno che il parziale non si concluda 4-2 o 4-3.

In quel caso, ci sarà la pausa a fine set, per poi cambiare campo e ripartire con la medesima modalità. Ricordiamo che, senza Sinner e Alcaraz, il numero uno della competizione sarà Lorenzo Musetti. Grazie alla qualificazione di Francesco Passaro, per la prima volta l'Italia avrà due rappresentanti nella medesima edizione.

Atp Finals
SHARE