Atp Napoli - Musetti domina Kecmanovic: storica finale tutta italiana con Berrettini

Dopo due semifinali consecutive, Musetti raggiunge Matteo Berrettini. Ottava finale tutta italiana nel circuito maggiore nella storia

by Perri Giorgio
SHARE
Atp Napoli - Musetti domina Kecmanovic: storica finale tutta italiana con Berrettini

Per l'ottava volta nella storia, due giocatori italiani si contenderanno un titolo nel circuito maggiore. Gli ultimi due erano stati Jannik Sinner e Stefano Travaglia a Melbourne nel 2019, che avevano interrotto tra le altre cose un digiuno lungo quasi trentatré anni.

Questa volta toccherà a Lorenzo Musetti e Matteo Berrettini a Napoli. Insomma, dopo la faticosissima vittoria del romano - condizionato anche da alcuni problemi al piede sinistro - il talento carrarino si sbarazza di Miomir Kecmanovic con una prestazione quasi povera di sbavature e griffa di fatto il successo sul 6-3 6-4 dopo poco più di novanta minuti di gioco.

Reduce dalle semifinali a Sofia e Firenze accumulate nelle ultime due settimane, il tennista azzurro si supera. Ad Amburgo aveva giocato e vinto la prima finale contro Carlos Alcaraz: contro Berrettini peraltro sarà uno scontro assolutamente inedito.

Musetti non sbaglia: ottava finale tutta italiana nel circuito maggiore

Musetti ha bisogno di una manciata di game per prendere le misure a Kecmanovic. E per prendere il controllo totale della faccenda, da fondocampo e con la battuta a disposizione.

Dopo un game assolutamente interlocutorio, in cui lascia per strada il servizio, il talento azzurro applica alla perfezione gli schemi più consolidati e prende il largo fino al 5-2. Taglia in maniera perfetta la diagonale sinistra, varia e accelera con una facilità quasi disarmante.

Semplicisticamente, non concede punti di riferimento a Kecmanovic che nel tentativo di rimescolare un po' le carte tenta addirittura di ridurre il numero degli scambi prolungati. Chiamato a servire per la prima frazione, 'Muso' commette un sanguinosissimo doppio fallo sul 15-15, ma rimedia con una super prima e con il dritto fa il resto.

Musetti non apporta particolari modifiche. Sbaglia poco, impone un ritmo forsennato da fondocampo e costringe Kecmanovic a snaturarsi completamente. Il serbo, che non gioca una partita ma accumula semplicisticamente una serie di colpi, perde il servizio nel cuore del secondo set e si concede quasi completamente sul 2-4.

Cancella la prima delle due palle break con una prima vincente piuttosto rabbiosa, rimane aggrappato alla faccenda, ma comprensibilmente non trova più armi valide per rientrare. Photo Credit: Getty Images

Matteo Berrettini
SHARE