Berrettini e Sinner, le Finals sono una "Mission impossible"



by   |  LETTURE 3734

Berrettini e Sinner, le Finals sono una "Mission impossible"

Si aggiorna la classifica Atp Race 2022, e non sono grandi notizie per il tennis italiano: posizione numero 12 per Jannik Sinner, 14 per Matteo Berrettini e 27 per Lorenzo Musetti. Le Finals sono sempre più lontane.

Italiani sempre più lontani dalle Finals

Nessuna novità per il tennis italiano nella classifica Atp Race 2022, quella che tiene conto solo dei risultati dell’anno solare e qualifica alle Finals di Torino.

Classifica positiva, sia chiaro, con Jannik Sinner che si conferma in dodicesima posizione davanti a Pablo Carreno Busta e allo stesso Matteo Berrettini. Ma per il giovane altoatesino l’infortunio della semifinale di Sofia, che lo ha di fatto privato della possibilità di giocarsi la vittoria in terra bulgara per il terzo anno di fila, potrebbe incidere sul restante cammino annuale, cancellando ogni residuo di speranza di rientrare sulla settima posizione di Felix Auger-Aliassime, 2860 punti contro i 2310 di Sinner, credibilmente l’ultimo posto valido per le Finals visto che Novak Djokovic dovrebbe ottenere la qualificazione automatica, con Alcaraz (primo) e Nadal (secondo), avendo conquistato Wimbledon.

Dopo Astana, Jannik ha dovuto rinunciare anche al torneo di Firenze, e ora è nella entry-list di Napoli, 17-23 ottobre, Vienna e credibilmente del Master 1000 di Parigi-Bercy. Non certo un fulmine a ciel sereno per Sinner, che già aveva ammesso di credere poco all’obiettivo, ma un piccolo passo indietro a livello di risultati per il nostro movimento.

Già qualificati anche Casper Ruud e Stefanos Tsitsipas, in dubbio Daniil Medvedev, Andrey Rublev e lo stesso Auger-Aliassime come detto. E qui entra in gioco Matteo Berrettini. "The Hammer" è nella “entry list” di Firenze, Atp 250 al via il 10 ottobre, e Vienna, Atp 500 del 24, e credibilmente sarà anche all’Atp 1000 di Parigi Bercy a fine mese.

Il romano, quattordicesimo a quota 2.225 punti, ne deve recuperare oltre 600 sul canadese. Piccola consolazione il NextGen, dove Sinner e Musetti, già qualificati, occupano la seconda e quarta posizione rispettivamente nella Race dietro l'inarrivabile Carlos Alcaraz. Ancora una volta, tra i più giovani, c'è un'Italia che comanda.