Atp Sofia - Sinner, la difesa del titolo inizia bene. Si ferma Sonego



by   |  LETTURE 5026

Atp Sofia - Sinner, la difesa del titolo inizia bene. Si ferma Sonego

Dalla dolorisissima sconfitta contro Carlos Alcaraz a New York alla dimenticabile parentesi in Davis Cup contro la Svezia. Reduce da un periodo piuttosto tribolato, Jannik Sinner - ancora a caccia di un posto alle Atp Finals e di punti fondamentali alla vigilia del '500' di Vienna e del '1000' di Parigi-Bercy - ritrova conforto sotto il tetto di Sofia, dove non ha ancora perso una partita nelle due precedenti edizioni.

Il tennista azzurro si presenta con un successo piuttosto agevole ai danni di Nuno Borges, che ovviamente non trova contromisure adeguate per rivelarsi realmente pericoloso, ma soprattutto raggiunge quota dieci successi consecutivi in Bulgaria.

Sinner, che prende il controllo della faccenda in avvio di primo set, tentenna con la battuta a disposizione solamente sul 4-2. Il talento azzurro gioca una partita straordinariamente normale e non preme mai davvero sul pedale dell'acceleratore.

Piuttosto, sbaglia qualcosina qua e là, si rivela un po' inquieto nelle scelte tattiche a inizio secondo quando ha una manciata chance per chiudere definitivamente la pratica, ma piazza comunque la zampata decisiva alla terza occasione utile e si limita a conservare il vantaggio fino al 6-3 6-4 finale.

Ai quarti il vincente del match tra Vukic e il redivivo Verdasco.

Niente da fare per Sonego, passa Rune

Si ferma a sei la striscia di vittorie consecutive di Lorenzo Sonego. Dopo il trionfo a Metz e l'esordio a Sofia condito da zero problemi contro Zapata Miralles, il torinese cade contro Holger Rune dopo un primo set che arpiona al tie break in maniera piuttosto netta.

Comprensibilmente con la lancetta della benzina prossima allo zero, in una giornata decisamente sottotono nella gestione degli scambi prolungati, il tennista azzurro non riesce a trovare un piano contro il giovanissimo danese.

Che sfrutta le due uniche indecisioni con la battuta del torinese per arpionare i due break e sigillare il successo sul 6-7(1) 6-4 6-3. Definito anche l'avversario di quarti di finale per Lorenzo Musetti, costretto nel day-3 a quasi tre ore di gioco per abbattere la resistenza del padrone di casa Lazarov.

Dd attenderlo ci sarà Jan Lennard Struff, che nella parte iniziale di giornata lascia appena quattro game per strada contro Ugo Humbert. Photo Credit: Getty Images