ATP Umago - Sinner batte Carballes Baena. Agamenone e Zeppieri non si fermano più



by   |  LETTURE 3713

ATP Umago - Sinner batte Carballes Baena. Agamenone e Zeppieri non si fermano più

Era dallo scorso 30 ottobre - quando perse contro Frances Tiafoe a Vienna - che Jannik Sinner non si spingeva fino al penultimo atto di un torneo. Tra la semifinale raggiunta in Austria nel 2021 e quella agguantata a Umago quest’oggi, l’altoatesino ha acquisito molta esperienza, rivoluzionato il suo team e lottato ad armi pari con i migliori tennisti del mondo.

L’undicesima semifinale in carriera assume quindi un significato del tutto diverso e lo proietta sempre di più verso i suoi veri obiettivi: scalare la classifica ATP e tentare il colpo grosso nei tornei del Grande Slam.

Il 6-4, 7-6 (5) che gli ha permesso di eliminare Roberto Carballes Baena riassume proprio la grande crescita compiuta da Sinner nella gestione della partita e dei momenti importanti.

ATP Umago - Sinner e Agamenone si sfideranno per un posto in finale

Nel primo set, l’italiano ha trovato subito il break mandando fuori giri lo spagnolo con un rovescio potente e profondo.

Solo negli ultimi due turni di battuta, Sinner ha dovuto recuperare da una situazione di svantaggio ma ha sempre gestito con grande attenzione quelli che negli Stati Uniti definiscono clutch moments. Nella seconda frazione di gioco, Sinner ha gettato alle ortiche ben cinque palle break sull’1-1; mentre Carballes Baena ha richiesto l’intervento del fisioterapista per un problema all’inguine.

Sul 5-5, Sinner ha costretto lo spagnolo all’ennesimo errore di dritto e collezionato il break all’ottava occasione utile. Carballes Baena, però, non ha mollato e ha guadagnato il tie-break grazie a un ottimo turno in risposta.

Tie-break che Sinner ha chiuso con il brivido sul 7-5. Continua la favola di Franco Agamenone, prossimo avversario di Sinner, a Umago. L’italo-argentino ha dominato il derby tricolore con Marco Cecchinato e ha conquistato le semifinali in un torneo ATP per la prima volta in carriera.

All’esordio assoluto nel circuito maggiore, Agamenone non si è lasciato condizionare dalle emozioni e ha sconfitto a suon di rimonte e lotte interminabili tennisti del calibro di Laslo Djere e Sebastian Baez.

Nella sfida che lo ha visto come principale protagonista contro Cecchinato, Agamenone ha salvato due palle break nel quarto game - la prima con un servizio vincente, la seconda con un dritto molto profondo - e ha poi piegato le difese del suo rivale nel gioco successivo.

Dal 4-2, il 29enne ha attivato il pilota automatico e non ha più concesso nessuna occasione a Cecchinato. Il palermitano si è salvato nel game inaugurale del secondo set, ma ha poi ceduto il servizio per la terza volta nel match sull’1-1 sbagliando un comodo dritto.

Il doppio fallo colpito sulla palla break concessa ad Agamenone sul finale di partita ha definitivamente spento le sue speranze di rimonta e spedito l’italo-argentino in semifinale. Prima volta in semifinale nel circuito maggiore anche per Giulio Zeppieri, che in un'ora e quaranta minuti ha sconfitto con un chirurgico 7-5, 6-4 Bernabe Zapata Miralles mostrando una maturità invidiabile.

Non accadeva da 35 anni - S.Vincent 1987 - che tre italiani conquistassero le semifinali nello stesso torneo. L'ultima volta era toccato a Canè, Pistolesi e Cancellotti.