"Federer una fonte d'ispirazione": Ruud dopo la vittoria contro Berrettini

Casper Ruud durante la conferenza stampa parla di Federer e si complimenta con Berrettini. Nono titolo in carriera per il norvegese

by Perri Giorgio
SHARE
"Federer una fonte d'ispirazione": Ruud dopo la vittoria contro Berrettini

Back-to-back. Casper Ruud difende il titolo nel ‘250’ di Gstaad grazie al successo finale ai danni di Matteo Berrettini e consolida la quarta posizione nella Race. Rimane una buona settimana per il tennista azzurro, che non sfrutta un set di vantaggio e nemmeno una palla break a disposizione sul 4-4 nel secondo.

“È cambiato un po' tutto nel terzo set soprattutto. Bisogna sempre essere pronti. Ho salvato diverse palle break molto importanti e nel tie-break forse sono stato un po' fortunato. Ho cercato di mantenere un po' di continuità come livello di gioco nel secondo e nel terzo parziale” ha detto nel corso della conferenza stampa Ruud.

Nono titolo in carriera per il norvegese, che si lascia cullare anche dal calore della ‘terra’ di Roger Federer, che proprio quest’anno dovrebbe ritornare a giocare a Basilea. “Il pubblico svizzero aiuta molto.

La Svizzera è un Paese con tanta storia nel tennis, vedendo le imprese di Federer, che è ovviamente d'ispirazione per tanti, compreso me. La Svizzera mi ricorda un po' la Norvegia, abbiamo anche noi buone tasse.

È un Paese molto bello, è stato bellissimo il tempo questa settimana e non è così frequente. È sempre bellissimo giocare un match qui, specialmente a Gstaad, e sicuramente tornerò il prossimo anno” Parole di stima anche nei confronti di Berrettini, che sempre in tre set aveva già vinto due dei tre precedenti sulla terra.

“Sei uno dei migliori ragazzi del circuito. Hai avuto diversi problemi fisici nel 2022, ti ho visto lavorare sodo e quindi complimenti a te per la settimana che hai disputato, così come al tuo team e alla tua famiglia, persone davvero splendide.

Spero che ci riaffronteremo nuovamente in futuro” Dopo Gstaad, i due torneranno a coprire le prime due teste di serie anche a Kitzbuhel alla vigilia della tournée sul cemento nordamericano. “Non c'è tanto tempo per festeggiare.

Quando finirò la mia carriera, mi dedicherò a tutto l'alcool che ho perso in questi anni. A parte gli scherzi, non bevo così tanto ed è la mia ragazza a spingermi a divertirmi un po” ha detto con un sorriso il norvegese.

Casper Ruud
SHARE