Atp Gstaad - Berrettini finisce la benzina in finale: Ruud cala il bis

Berrettini va avanti di un set e non sfrutta una palla break per 'ammazzare' la partita sul 4-4 nel secondo. Ruud, più fresco e più lucido, dilaga e cala il bis in Svizzera

by Perri Giorgio
SHARE
Atp Gstaad - Berrettini finisce la benzina in finale: Ruud cala il bis


Si ferma a quota dodici la striscia di vittorie consecutive di Matteo Berrettini, costretto a saltare Wimbledon causa-covid dopo la doppietta Stoccarda-Queen's. Il numero due azzurro, al rientro sul rosso con la tournée nordamericana alle porte, si avvicina soltanto al secondo sigillo a Gstaad in carriera, il numero otto in carriera nel circuito maggiore, alla soglia delle due ore e venti di gioco prevale però la fatica.

Contro un Casper Ruud assolutamenete 'normale' non sfrutta infatti un set di vantaggio e neanche una palla break a disposizione sul 4-4 del secondo set. Ruud, che dilaga nel tie break, approfitta del calo di Berrettini per sigillare il successo sul 4-6 7-6(4) 6-2, per aggiungere la nona perla alla collana dei titoli e per riconfermarsi campione in terra svizzera.

Berrettini parte meglio: alla distanza vince Ruud

Dopo una fase di studio piuttosto prolungata, Berrettini intravede degli spiragli nel servizio di Ruud e ovviamente sfrutta la situazione. Grazie a una buonissima percentuale di punti con il rovescio, il tennista azzurro - che proprio con il colpo debole si procura la prima palla break del match nel quinto gioco - fa uscire Ruud dalla comfort zone.

Berrettini assesta la spallata decisiva alla seconda opportunità utile, risale dal 15-40 nel game immediatamente successivo (grazie anche e soprattutto al contributo del servizio) cancella la terza palla break grazie a una chiamata discutibile del giudice di sedia e non apporta più particolari modifiche al copione.

Le dinamiche rimangono le medesime nel secondo set, con Berrettini che ha chance per strappare il servizio al norvegese sia nel primo game che sul 4-4, a un passo dal traguardo. Il tennista azzurro, intoccabile con la battuta a disposizione, si spegne sostanzialmente quando con la battuta a disposizione si ritrova a custodire un minibreak di vantaggio nel jeu decisif.

Ruud, che si limita a spostare Berrettini sul lato sinistro e ad aprire il lato opposto, si trascina sul 5-1, non sfrutta immediatamente il mega-vantaggio a disposizione, ma ricompatta comunque il punteggio alla terza opportunità utile.

Con la lancetta della benzina prossima allo zero, Berrettini si salva in qualche modo nel game inaugurale del terzo set ma lascia per strada il servizio nel game immediatamente successivo. Ruud, decisamente più fresco e decisamente più lucido anche nelle scelte tattiche, prende ovviamente il largo e approfitta di tutte le difficoltà del tennista azzurro, che senza un piano tattico ben preciso semplicemente accatasta dei colpi e non fa praticamente più in tempo a rendere il passivo accetatbile. Photo Credit: Getty Images

SHARE