Atp Gstaad - Super rimonta di Berrettini con Martinez. Semifinale di lusso con Thiem



by PERRI GIORGIO

Atp Gstaad - Super rimonta di Berrettini con Martinez. Semifinale di lusso con Thiem

Dopo il mese di stop, la vittoria con Richard Gasquet e il processo di riabilitazione ai meccanismi della terra rossa, Matteo Berrettini rigetta una sconfitta praticamente certa contro Pedro Martinez ai piedi delle semifinali.

Chiamato a recuperare un set di svantaggio e un mega-ritardo di 1-5 nel tie break del secondo set, il tennista azzurro concentra la stragrande maggioranza delle energie nel momento di massima difficoltà, pareggia i conti con un parzialone di 6-0 e dilaga nel terzo set.

Emblematico il 4-6 7-6(3) 6-2 che matura alla soglia delle due ore e trenta di gioco e che vale la super semifinale con Dominic Thiem. Martinez vince quattro dei primi cinque giochi. Complice anche un turno di battuta sciagurato del tennista azzurro che sotto 1-2 dilapida un vantaggio di 3-0.

Berrettini, che nonostante le circostanze si rimette in scia, si affaccia sul 15-30 grazie a un testa-a-testa nei pressi della rete nel settimo game, ma non trova la risposta nei due quindici successivi e anche se prolunga la faccenda ai vantaggi non trova neanche l'affondo per rientrare in carreggiata.

Situazione medesima nei pressi del primo traguardo, con l'azzurro che in un game da quindici punti non sfrutta una palla break. Le dinamiche nella seconda frazione non cambiano. O meglio, Martinez flirta con il break in avvio prima di abbandonarsi a un set totalmente privo di opportunità in risposta.

Medesima situazione per Berrettini, che alza considerevolemente il numero dei punti con la prima palla ma che non vai mai oltre il 15 in risposta. Martinez si porta sul 5-1 e ipoteca la vittoria. Proprio nel momento di massima difficoltà, a un passo dalla sconfitta, il tennista azzurro rigetta la sconfitta in tutti i modi possibili e con un mega-parziale di 6-0 ribalta completamente la situazione.

Lo spagnolo non resiste ovviamente al contraccolpo psicologico e nel corso del deciding set fa praticamente in tempo a rendere il passivo accettabile dopo il 4-0 Berrettini, ovviamente rinfrancato dalle circostanze, che ritorna a martellare con il servizio a disposizione e che alla prima occasione utile chiude la pratica.

A quasi sedici mesi di distanza dalla semifinale a Madrid, Dominic Thiem ritorna in semifinale. Il talento austriaco, che si era già piazzato tra i primi otto settimana scorsa a Bastad dopo un filotto di sei sconfitte consecutive dal rientro, si sbarazza senza difficoltà - se non nei pressi del traguardo, in una situazione di punteggio già ampiamente sotto controllo - della sorpresa Varillas, che aveva battuto al turno precedente Roberto Bautista Agut, con un rocciosissimo 6-4 6-3.

Questa vittoria gli consentirà tra le altre cose anche di ritornare tra i primi duecento giocatori del mondo: qualora il torneo dovesse vincerlo si accomoderebbe nuovamente ai piedi dei primi cento.