Non solo Jannik Sinner: la nuova Next Gen fa sognare l'Italia



by   |  LETTURE 14697

Non solo Jannik Sinner: la nuova Next Gen fa sognare l'Italia

Dopo Wimbledon e alla vigilia della tournée sul cemento nordamericano, possiamo considerare la stagione già ben avviata verso la conclusione. Oltre alla presenza di Jannik Sinner tra i primi dieci giocatori del mondo - con Matteo Berrettini seduto sul gradino numero quindici a causa dei punti di Wimbledon - il battaglione azzurro può contare anche su una foltissima presenza in quella che ci siamo ormai abituati a chiamare classifica dei 'Next Gen' con l'avvento dei vari Alexander Zverev, Stefanos Tsitsipas, Andrey Rublev, Daniil Medvedev e la presenza ovviamente delle Finals dedicate, peraltro a Milano.

Insomma: se la stagione finisse oggi, l'Italia chiuderebbe con otto presenze nella Top 20 dei migliori Under 21 del mondo. Un dato straordinario, condito tra le altre cose da Matteo Gigante al numero ventuno, Matteo Arnaldi al numero ventisei e Mattia Bellucci al numero ventotto, che ovviamente non fa altro che confermare la genuinità e la grandissima crescita del tennis italiano in questo specifico momento storico.

Guida ovviamente la graduatoria il 'fuori-quota' Carlos Alcaraz, che come Sinner non punta alle Next Gen Finals ma alle Finals di Torino. Qualora dovesse vincere ad Amburgo, il talento spagnolo entrerebbe per la prima volta tra i primi quattro giocatori del mondo e diventerebbe il primo a riuscirci da Nadal nel 2005.

Nella Race addirittura scavalcherebbe Tsitsipas e si metterebbe proprio all'inseguimento del ventidue volte campione Slam, che guida la classifica grazie soprattutto alla vittoria degli Australian Open e del Roland Garros.

Alle spalle di Alcaraz troviamo ovviamente Sinner, distante comunque più di duemila punti sempre a causa dei Championships. Sull'ultimo gradino del podio il giovanissimo Holger Rune, subito dietro il 'nostro' Lorenzo Musetti.

Chiudono la Top 10 Francesco Passaro e Flavio Cobolli, al dodicesimo posto troviamo invece Luca Nardi, mentre al quattordicesimo Francesco Maestrelli. Occupa la posizione numero sedici Giulio Zeppieri, la diciassette invece d Giulio Zeppieri. C'è tanta, tantissima, Italia pronta a esplodere e a lasciare ancora il segno. Photo Credit: Getty Images