Ecco quanto ha guadagnato Matteo Berrettini con la vittoria al Queen's



by   |  LETTURE 7081

Ecco quanto ha guadagnato Matteo Berrettini con la vittoria al Queen's

Momento magico per il tennista romano Matteo Berrettini. Il neo numero undici al mondo era reduce da tre mesi di infortunio ma è tornato alla grande con ben due tornei vinti in pochi giorni. Berrettini ha dimostrato di trovarsi alla grande su una superficie come l'erba e, dopo le vittorie a Stoccarda ed al Queen's, si candida ad essere uno dei grandi favoriti per la vittoria finale a Wimbledon, Slam che andrà in scena tra pochi giorni.

Al Queen's Matteo era il grande favorito e l'azzurro ha rispettato alla grande le attese. In finale il tennista non ha tremato ed ha ottenuto una bella vittoria su Filip Krajinovic, sconfitto con il risultato di 7-5;6-4.

Una bella soddisfazione per l'azzurro che si garantisce anche un più che cospicuo montepremi. Il Prize Money infatti del torneo londinese è di ben 2 milioni, 234 Mila e 520 euro: Berrettini, vincitore del torneo, ha incassato ben 400 Mila euro mentre il finalista Filip Krajinovic ha incassato 214.775 euro.

Le parole di Berrettini dopo la vittoria

Il numero uno azzurro è apparso raggiante ed ha commentato così la vittoria su Filip Krajinovic. Matteo nelle prossime settimane sarà costretto suo malgrado a scivolare più indietro in classifica, ma a suon di vittorie sta dimostrando di meritare la Top Ten mondiale.

L'azzurro ha così commentato il successo: “Troppe emozioni. L’ultima cosa che mi sarei aspettato dopo l’infortunio era quella di tornare e vincere due tornei in fila, di cui uno tanto prestigioso quanto questo.

Non voglio piangere, non riesco ancora a crederci. Il merito è soprattutto del mio team" Poi il tennista prosegue: “Sono arrivato a Stoccarda e non mi sentivo bene. Non colpivo come volevo e dicevo al mio team che sarebbe stata dura.

Sono italiano e mi lamento sempre. Però adesso non posso lamentarmi” ha scherzato Berrettini.Il tennista italiano è uno dei pochissimi capaci di vincere il torneo del Queen’s per due anni di seguito.

“Ogni volta che cammino nei corridoi mi perdo sempre, vedo i nomi dei campioni e pensare che il mio nome sarà scritto due volte, mi rende orgoglioso”.