Matteo Berrettini meglio di Becker: l'azzurro mette nel mirino Novak Djokovic



by   |  LETTURE 3034

Matteo Berrettini meglio di Becker: l'azzurro mette nel mirino Novak Djokovic

Ritorno con vittoria e lacrime per Matteo Berrettini. A seguito dell’intervento chirurgico subito alla mano, il numero italiano ha deciso di saltare i tornei importanti della terra rossa, ovvero Madrid, Roma e soprattutto il Roland Garros, e di fare il suo ritorno direttamente sull’erba, a Stoccarda.

Nel torneo tedesco, l’azzurro ha trionfato in finale contro uno specialista di questa superficie, Andy Murray, in tre set: complice anche un problema muscolare per il britannico, Berrettini ha impiegato due ore e mezza per vincere con il punteggio di 6-4, 5-7, 6-3.

Terminato il torneo di Stoccarda, Berrettini andrà in direzione Londra: prima il Queen’s, poi Wimbledon. Per quanto riguarda il torneo della Regina, il tennista italiano deve difendere la vittoria dello scorso anno contro Cameron Norrie, già out al primo turno in questa edizione.

Anche a Wimbledon c’è tanto da difendere: una finale conquistata, ma persa, lo scorso anno contro Novak Djokovic. Con i numeri raccolti finora nei tornei disputati sull’erba, come riporta La Gazzetta dello Sport, Matteo Berrettini entra nella Top Ten dei giocatori con la maggiore percentuale di vittorie su questa superficie.

Davanti a Becker, nel mirino Djokovic e Murray

Dal 2019, Matteo Berrettini ha conquistato 26 vittorie sull’erba, a fronte di tre sconfitte: contro Roger Federer, Novak Djokovic e David Goffin. Con l’ 82,3% di vittorie, l’azzurro è l’ottavo giocatore per la percentuale di vittorie su match disputati su questa superficie.

Superato Boris Becker, fermo a 82,2%, e dietro dei mostri sacri di questo sport: da Murray a Sampras a Connors e Laver. Ancora distanti i tennisti che occupano attualmente il podio di questa speciale classifica. Al primo posto c’è il re di Wimbledon, Roger Federer, con l’86,9% di vittorie; dietro di lui c’è McEnroe, con l’85,8%.

A chiudere il podio c’è Novak Djokovic, con un pulito 85% di vittorie sull’erba. Il serbo, come Matteo Berrettini, ha la possibilità di presentarsi a Wimbledon per migliorare questa statistica e difendere ciò che ha conquistato nella scorsa edizione.