Matteo Berrettini: "Non mi sentivo a mio agio. Bello giocare contro Sonego"

Il tennista azzurro ha commentato la vittoria nel derby contro Sonego

by Giuseppe Di Lauro
SHARE
Matteo Berrettini: "Non mi sentivo a mio agio. Bello giocare contro Sonego"

Il derby italiano valevole per i quarti di finale del 250 di Stoccarda è stato vinto da Matteo Berrettini. Il tennista romano ha avuto la meglio di Lorenzo Sonego rimontando l’iniziale set di svantaggio e terminando il match con il punteggio di 3-6, 6-3, 6-4.

Grazie a questo successo, il numero 10 del ranking mondiale tornerà a giocare una semifinale dagli Australian Open di inizio anno. Matteo Berrettini è tornato a disputare un torneo dopo oltre tre mesi d’assenza a causa di una piccola operazione alla mano destra che lo ha costretto a saltare tutta la stagione su terra rossa.

Nonostante questa assenza, l’azzurro ha cominciato come meglio non poteva mettendo in cascina due vittorie consecutive prima con Radu Albot e poi appunto con Sonego. "È stata una partita molto dura" -ha dichiarato Berrettini nell'intervista a bordo campo- “Lorenzo stava giocando molto bene.

Non mi sentivo a mio agio, ma è normale. Non ho giocato per tre mesi e non è facile tornare. Il pubblico mi ha aiutato e la mia squadra è sempre qui. Sono contento della vittoria".

Emozionante per il romano aver giocato contro l'amico Sonego

Berrettini, soprattutto dal secondo set in poi, è riuscito a dettare il gioco grazie al suo potente dritto e alla prima di servizio che è aumentata di efficacia rispetto al set iniziale.

"È davvero bello, stiamo giocando nei migliori tornei del mondo l'uno contro l'altro", ha continuato Berrettini parlando di come si è sentito a giocare contro l'amico Sonego. "Abbiamo iniziato a giocare l'uno contro l'altro a 10 anni, quindi è davvero bello vedere a che punto siamo.

È un ragazzo molto simpatico, abbiamo colpito molto insieme". Il finalista della passata edizione di Wimbledon si è qualificato quindi per la semifinale che è in programma domani contro il tedesco e padrone di casa Oscar Otte il quale ha superato i quarti a causa della rinuncia di Benjamin Bonzi.

Due i precedenti tra l'azzurro e il teutonico, in entrambe le occasioni a trionfare è stato l'italiano. Berrettini andrà a caccia quindi della finale numero quattro su erba e tenterà di bissare il successo a Stoccarda dopo tre anni.

Matteo Berrettini
SHARE