Atp Stoccarda, Berrettini rientra e vince: “Fisicamente ho risposto bene”



by GIUSEPPE MIGLIACCIO

Atp Stoccarda, Berrettini rientra e vince: “Fisicamente ho risposto bene”

Reagisce con grande entusiasmo Matteo Berrettini al suo ritorno in campo con vittoria in quel di Stoccarda. Il numero 1 italiano ha scelto un torneo a lui caro per rientrare dopo l’intervento alla mano: sull’erba tedesca, infatti, l’azzurro conquistò l’allora terzo titolo Atp della sua carriera (2019).

Ed è tornato nel circuito nel migliore dei modi Berrettini, che nel suo match di primo turno ha battuto il moldavo Radu Albot in tre set (6-2 4-6 6-3) e ai quarti di finale rischia il derby contro Lorenzo Sonego, impegnato contro Jan-Lennard Struff.

“Non era una partita semplice, Albot è un avversario che conosco ed è molto solito” , ha dichiarato il romano nel post-partita. “Devi andarti a prendere tutti i punti e devo dire che nel primo set ho giocato bene.

Nel secondo mi sono un po’ distratto, ma nel terzo parziale grazie al servizio mi sono ritrovato e ho vinto. Importante questo risultato e soprattutto riprendere a giocare. Mi piace competere sull’erba e non sono così svantaggiato rispetto agli altri visto che anche per loro è la prima apparizione su questa superficie.

Bene così e sono soprattutto contento che dal punto di vista fisico ho risposto bene” .

Coach Santopadre aggiorna sulle condizioni di Berrettini

In vista dell’esordio di Matteo Berrettini a Stoccarda, coach Vincenzo Santopadre aveva parlato delle attuali condizioni del suo allievo in una intervista esclusiva rilasciata a Il Messaggero.

“Si è ripreso completamente, ha lavorato molto bene sotto ogni aspetto, deve comunque tornare a giocare per ritrovare le giuste sensazioni” , ha spiegato Santopadre. “La partecipazione a Stoccarda non era prevista, ma sarà utile alla sua ripresa, per tornare al top.

Abbiamo lavorato sulla parte sinistra, anche sulla mano, visto che la destra non poteva in quel momento essere utilizzata; poi ci siamo concentrati sul recuperare l’elasticità della mano dopo l’intervento e poi sulla fluidità.

Naturalmente gli è dispiaciuto aver saltato Montecarlo, Roma e Parigi, sono alcuni dei tornei che preferisce, ma adesso non vede l’ora di ritrovare l’adrenalina della partita. Distratto da quel che accade fuori dal campo? Per destabilizzare Matteo ci vuole una bomba: è responsabile, un gran lavoratore” .

👇🏻 Seguiteci anche su Instagram 👇🏻
http://tiny.cc/Instagram_TWI