Finalmente Alexander Zverev: il tedesco rompe la lunga maledizione

Il tennista tedesco è riuscito a sfatare un tabù che durava da ben 6 anni

by Gianluca Ruffino
SHARE
Finalmente Alexander Zverev: il tedesco rompe la lunga maledizione

Prova d’orgoglio di un solidissimo Alexander Zverev che, in un quarto di finale in cui partiva nettamente sfavorito (vista la netta sconfitta nella finale del Master 1000 di Madrid), ribalta i favori del pronostico e si impone in 3 ore e 21 minuti su un altalenante Carlos Alcaraz col punteggio di 6-4 6-4 4-6 7-6(7), accedendo alle semifinali del Roland Garros per il secondo anno di fila.

Il tennista teutonico, che dopo la paura del secondo turno contro Sebastian Baez (ha rimontato due set di vantaggio, salvando pure match point) ha alzato notevolmente il proprio rendimento, ha dunque ottenuto un importante e prestigioso successo che lo porta alle semifinali di uno slam per la quarta volta in carriera (agli US Open 2020 si spinse fino alla finale).

Il numero tre del mondo, col successo contro Alcaraz, ha inoltre sfatato un lunghissimo tabù, che durava addirittura dal 2016.

Gioia Zverev: prima vittoria contro un top 10 in uno slam

Il 25enne di Amburgo è riuscito finalmente a spezzare una maledizione che lo perseguitava da inizio carriera.

Zverev infatti non era ancora riuscito nella propria carriera a battere un top 10 nei tornei degli slam. La lunga striscia negativa del tedesco durava da ben 6 anni, iniziata nel 2016 quando perse al primo turno degli Australian Open contro l’allora numero due Andy Murray.

Da lì in poi il tedesco si è arreso in ordine cronologico a Tomas Berdych (Wimbledon 2016), Rafa Nadal (Australian Open 2017), Milos Raonic (Wimbledon 2017), tre volte a Novak Djokovic (Roland Garros 2019, Australian Open e US Open 2021), tre a Dominic Thiem (Roland Garros 2018, Australian Open 2020 e la finale degli US Open) e a Stefanos Tsitsipas nella semifinale dello slam parigino lo scorso anno.

Al 12esimo tentativo dunque Zverev ha finalmente conquistato una vittoria che può significare tanto, sia a livello di classifica (il tedesco adesso potrebbe anche insidiare la testa del ranking mondiale) sia a livello mentale.

Carlos Alcaraz, attualmente numero 6 del mondo, era uno dei tennisti più in forma nel circuito e tra i candidati principali alla conquista del titolo. In semifinale il tedesco affronterà Rafa Nadal, 13 volte campione sulla terra francese e Re di Parigi.

Alexander Zverev
SHARE