Un emozionato Holger Rune commenta la sua vittoria contro Stefanos Tsitsipas



by GIANLUCA RUFFINO

Un emozionato Holger Rune commenta la sua vittoria contro Stefanos Tsitsipas

Show danese sul Philippe Chatrier nella giornata odierna. Il protagonista di questo spettacolo è un ragazzino da poco 19enne che, giocando un match incredibile, elimina il finalista uscente Stefanos Tsitsipas col punteggio di 7-5 3-6 6-3 6-4 e si qualifica per i quarti di finale del Roland Garros alla prima partecipazione allo slam sul rosso.

Stiamo parlando di Holger Vitus Nødskov Rune, più noto come Holger Rune, giovane tennista scandinavo che ha vinto il suo primo torneo ATP a inizio maggio a Monaco e che sembrerebbe stia seguendo le orme del coetaneo Carlos Alcaraz, ormai ai vertici del ranking mondiale.

Il tennista danese, al termine dell’esaltante partita contro il greco Tsitsipas, ha espresso le proprie sensazioni ai microfoni di Marion Bartoli nella consueta intervista a bordo campo.

Le parole di Holger Rune al termine del match

Rune ha ringraziato il pubblico per il supporto ricevuto durante tutto l’incontro con il favoritissimo Stefanos Tsitsipas.

“Ho una sensazione incredibile in questo momento. Ero così nervoso alla fine, ma il pubblico è stato fantastico per me per tutta la partita e per tutto il torneo. Sono così grato e felice di giocare su questo campo.

Siete fantastici” ha dichiarato il danese. Il numero 40 del mondo ha poi parlato proprio del match contro il greco. “Ero molto nervoso ma allo stesso tempo sapevo che se avessi abbandonato la mia tattica contro un giocatore come Tsitsipas avrei perso di sicuro.

Mi sono detto di continuare a giocare e di mettere in pratica il mio piano nei momenti difficili. Alla fine ha funzionato benissimo e mi ha dato un'enorme iniezione di fiducia. È fantastico essere ancora qui” ha rivelato Rune, che ha poi aggiunto: “Ho cercato di giocare una partita aggressiva.

Quando Stefanos riceve una palla più corta, attacca molto, quindi ho dovuto giocare in modo aggressivo e molto veloce, togliendogli tempo. Mi piace molto giocare i drop shot, è divertente da giocare e ha funzionato molto bene”.

Rune ha concluso la sua intervista parlando del fondamentale supporto ricevuto dalla propria famiglia. “Mi commuovo quando parlo della famiglia e degli allenatori, ma siamo ancora ai quarti di finale, quindi non abbiamo ancora vinto il torneo.

Mia madre, tutta la mia squadra è il motivo per cui sono qui oggi. Sono così grato di avere una squadra che mi aiuta nelle situazioni difficili” ha rivelato emozionato il tennista classe 2003.

Holger Rune Stefanos Tsitsipas Roland Garros