La situazione si complica per Boris Becker: ecco cosa rischia



by   |  LETTURE 2952

La situazione si complica per Boris Becker: ecco cosa rischia

Si intravedono brutte beghe all’orizzonte per l’ex numero 1 del mondo Boris Becker. L’ex campione tedesco ─ vincitore di sei tornei dello Slam ─ il 29 aprile scorso è stato condannato a una pena di 30 mesi di reclusione per bancarotta fraudolenta dal giudice di Southwark Deborah Taylor, ma i guai per lui sembrano non essere qui.

Becker, infatti, ora rischierebbe addirittura l’espulsione dal Regno Unito. Il provvedimento si presume dalle parole del Ministero dell’Interno britannico in merito, che anche senza citare il nome di Boris Becker ci ha tenuto a precisare che “qualsiasi cittadino straniero condannato per un reato e condannato a una pena detentiva è preso in considerazione per l’espulsione il prima possibile” .

Rischio che cresce ulteriormente per l’ex campione di Leimen in quanto dopo l'attuazione della Brexit, il 31 dicembre 2020, la legge sull'immigrazione per i cittadini dell'Unione Europea è diventata più rigorosa e i reati contestati a Becker sono continuati anche dopo quella data, versione confermata anche dall’avvocato dell’immigrazione Colin Yeo al Guardian.

Dal canto suo, tuttavia, il tre volte vincitore di Wimbledon potrebbe appellarsi al provvedimento di espulsione e ‘scamparla’ con un esborso di circa 30mila sterline per le spese legali.

Becker condannato a 2 anni e mezzo di carcere: la ricostruzione

Lo scorso 21 marzo è iniziato il processo contro Boris Becker.

Un processo che lo ha definitivamente condannato a due anni e mezzo di carcere. Becker rischiava in realtà fino a sette anni di carcere, ma alla fine il giudice di Southwark ha deciso di infliggere al tedesco 30 mesi di reclusione.

L’ex numero 1 del mondo sconterà metà della pena in carcere e il restante periodo di detenzione in regime di semilibertà. “È da notare come lei non abbia ammesso la sua colpa e nemmeno mostrato rimorso” , ha sottolineato il giudice Deborah Taylor nel corso della sentenza.

“C’è stata da parte sua una totale mancanza di umiltà” . In tutto sono quattro, su 24 totali, le imputazioni legate alla vicenda per il quale è stato condannato. Becker, che si è sempre dichiarato innocente, aveva affidato la sua reazione alle accuse al proprio account Twitter negli scorsi anni.

“Innocente fino a prova contraria! Nego le accuse contro di me e mi difenderò con tutti i mezzi legali” , aveva commentato l’ex tennista teutonico. “Credo nel sistema legale del Regno Unito e nei suoi agenti. Il mio team di avvocati dimostrerà la mia innocenza” .