Internazionali Bnl D'Italia, c'è una bella novità nell'organigramma del torneo



by   |  LETTURE 7839

Internazionali Bnl D'Italia, c'è una bella novità nell'organigramma del torneo

Giorno dopo giorno si avvicina sempre di più la data ufficiale dell’inizio degli Internazionali Bnl d’Italia. Si comincerà tra pochi giorni, più precisamente il 30 aprile, quando ci saranno le pre qualificazioni.

Si proseguirà successivamente con le qualificazioni che andranno di scena tra sabato 7 e domenica 8 maggio giorno in qui ci saranno anche le primissime partite del main draw. Da lunedì 9 maggio poi si entrerà ufficialmente nel vivo del torneo italiano di tennis più importante.

Quest’anno nell’organigramma del torneo c’è una bella novità. Se come direttore è stato confermato per il 23esimo anno di fila Sergio Palmieri che svolge questo ruolo dal lontano 1999, da quest’anno ci sarà anche un vice direttore.

La scelta è ricaduta su Paolo Lorenzi. L’ex tennista 41enne che ha concluso la sua carriera al termine della stagione agonistica sul finire del 2021, debutterà quindi in questa nuova veste.

Una carriera di sacrifici e abnegazione

Lorenzi, durante l’arco della sua carriera, ha raccolto l’apice il 15 maggio 2017 quando raggiunse a quasi 36 anni la posizione numero 33 del ranking mondiale, la più alta che è riuscito a ricoprire.

Vanta in carriera anche un ottavo di finale agli Us Open oltre che un Atp 250 vinto nel 2016 a Kitzbuhel contro Nikoloz Basilashvili, oltre che ad aver raggiunto per tre volte (sempre su terra rossa) le finali a San Paolo, Quito e Umago.

Il tennista romano durante la carriera si è contraddistinto specialmente nella categoria Challenger dove è riuscito a conquistare la bellezza di 21 titoli su 39 finali disputate. Agli Internazionali d’Italia, esclusi Daniil Medvedev e Matteo Berrettini che sono alle prese con i rispettivi infortuni, ci saranno tutti i big del panorama mondiale.

Rafael Nadal dovrà difendere il titolo conquistato la passata stagione dagli assalti del finalista in carica Novak Djokovic, ma anche da un Carlos Alcaraz sempre più versione macchina da guerra ed anche dall’azzurro Jannik Sinner voglioso di ottenere un grande risultato tra le mura amiche.