Atp Monte-Carlo - Doppietta Tsitsipas: la favola Davidovich finisce in finale



by   |  LETTURE 1903

Atp Monte-Carlo - Doppietta Tsitsipas: la favola Davidovich finisce in finale

Stefanos Tsitsipas in 'back-to-back' come tanto piace ai colleghi americani. Il talento greco si riconferma sulla terra del Principato dopo il successo datato venti-ventuno. Anche se in maniera diametralmente opposta.

Per ritrovare un personaggio in grado di vincere il '1000' monegasco almeno due vollte di fila bisogna comunque scomodare il 're' Nadal dagli archivi. Basterebbe questo per definire la portata dell'impresa del numero cinque del mondo.

Finisce sul più bello la favola di Alejandro Davidovich Fokina, a un passo dal primo sigillo in carriera nella Categoria-Masters: una roba riuscita nel 2001 al countryman e qualificato Albert Portas. Lo spagnolo sarebbe diventato peraltro anche il primo unseeded a riuscirci a vincere dal 1992 dopo Thomas Muster.

A Tsitsipas è bastato vincere contro Diego Schwartzman ai quarti di finale per amministrare lo status da favoritissimo. Tutto facile contro Alexander Zverev, più complicata la sfida con Davidovich. Nonostante un buco nel cuore del secondo - e una fase di purgatorio - il 6-3 7-6(3) finale risulta piuttosto emblematico.

Lo spagnolo, banalmente, non trova semrpe armi sufficientemente valide per rimanere nella scia di un giocatore francamente più completo e decisamenete più abituato al palcoscenico-finale: piuttosto sfrutta tutti gli spiragli che vede.

Le speranze dello spagnolo si spengono sul 2-1 nel primo set. 'Tsitsi' mette in evidenza tutti i limiti di Davidovich - che fatica a trovare gli appoggi, a fare la differenza con la prima palla e soprattutto a gestire le traiettorie basse - e con un parzialone di 5-0 si issa sul 6-3 2-0.

Flirta con il doppio break nel terzo game, ma non azzanna la partita. Finita? Macché. Davidovich, deresponsabilizzato dalla situazione di punteggio, lascia andare i colpi con maggiore tranquillità e soprattutto trova più punti con la prima palla.

Elemento che gli consente di fare un passo in più anche nei turni di risposta. Dopo il controbreak, di fatto, domina il turno di battuta immediatamente successivo e si porta sul 3-2. Su un dritto potenzialmente fatale sul 30-30, nel settimo game, dà un bacetto al nastro e anche se in disperato sovraritmo - nel tentativo ovviamente quello di rimanere appiccicato al punteggio - risale dal 15-40, vince un braccio di ferro da fondocampo sulla seconda parità, ma entra nel tunnel-sconfitta.

Con 'Tsitsi' che a un passo dalla vittoria accatasta comunque la stragrande maggioranza degli errori. Davidovich recupera il break di vantaggio, aggrappa in qualche modo il jeu decisif, ma vince solamente uno dei primi sei punti nel momento più importante. Non si rivela sufficiente nemmeno una volèe in tuffo sul match point. Photo Credit: Getty Images