Atp Monte-Carlo - Djokovic riparte male: vittoria della vita per Davidovich Fokina

Djokovic, indietro di condizione, ritorna dopo il lungo stop e si ferma dopo il secondo set. Tutto facile per lo spagnolo nel finale

by Perri Giorgio
SHARE
Atp Monte-Carlo - Djokovic riparte male: vittoria della vita per Davidovich Fokina

Novak Djokovic? Un grossissimo punto interrogativo, appunto. Di rientro dalla pausa-forzata, lo spettro del campionissimo serbo aleggia sul rosso del Principato senza mettere realmente paura. Anzi. Vuoi per la mancanza di match nelle gambe, vuoi per la mancanza di motivazioni, il serbo - che ha più volte dichiarato di avere nel mirino solamente lo Slam parigino - contro Alejandro Davidovich Fokina, che tende a sabotarsi spesso e volentieri, serve con risultati piuttosto modesti per il secondo set, sopravvive al tie break, ma si spegne nuovamente nel deciding set.

Lento negli spostamenti laterali ed estremamente difensivo da fondocampo, il numero uno del mondo si arrende dopo poco meno di tre ore di gioco. Emblematico il 6-3 6-7(5) 6-1 finale. Per Fokina (che chiude con un saldo vincenti-errori piuttosto positivo) è ovviamente la vittoria della vita.

Djokovic, che succede? Il rientro contro Davidovich è con sconfitta

Pronto, via: Djokovic cancella una manciata di palle break e lascia per strada il servizio nel turno di battuta immediatamente successivo. Lo spagnolo irrobustisce il vantaggio, rimette temporaneamente in carreggiata Djokovic, ma sul 5-3 evita altre complicazioni e mette la testa avanti.

Il principale avversario di Djokovic si rivela ovviamente Djokovic. Sui perché ci interrogheremo dopo. Manca anche la componente -emotiva, dato che dopo una falsa partenza anche nel secondo non sfrutta nessuna delle cinque palle break a disposizione sullo 0-2.

Davidovich tenta in tutti i modi di dare una chance al campionissimo serbo, che trova un minimo di continuità e senza neppure ricorrere agli straordinari si ritrova sul 5-4 con la battuta a disposizione. Preludio di una nuova partita? Macché.


Djokovic, che in qualche modo riesce a spuntarla al tie break - peraltro con una magia sul set point - nel terzo e decisivo set fa praticamente da spettatore non pagante. Muove il punteggio in una sola occasione, manca la chance per il 2-2 e non trova più armi per rientrare. Anzi. Da quel momento è 18-7 Davidovich. Photo Credit: Getty Images

Davidovich Fokina
SHARE