Reilly Opelka, iniziativa benefica a Miami dove coinvolgerà altri due tennisti



by   |  LETTURE 2170

Reilly Opelka, iniziativa benefica a Miami dove coinvolgerà altri due tennisti

Bellissima iniziativa di Reilly Opelka che ha deciso di donare 100 dollari in beneficenza per ogni ace che riuscirà a realizzare durante il Miami Open di quest’anno. L’intero ricavato andrà alla fondazione no-profit Wings For Life per la ricerca sul midollo spinale.

Ma non solo, durante il video pubblicato sul suo account ufficiale Instagram, Reilly Opelka ha esortato anche Cameron Norrie e Stefanos Tstisipas a fare la stessa cosa e ha condiviso il link sulla sua piattaforma per far sì che anche gli altri contribuiscano alla causa.

"Ehi ragazzi, volevo solo farvi sapere che donerò 100 dollari per ogni ace che effettuerò durante il Miami Open.

Donerò a Wings For Life, che è un ente di beneficenza senza scopo di lucro per la ricerca sul midollo spinale. Chiederò ai miei amici Cameron Norrie e Stefanos Tsitsipas di fare lo stesso. Daremo 100 dollari per ogni ace colpito", ha dichiarato Reilly Opelka sui social network


Reilly Opelka la passata stagione ha raggiunto la sua prima finale in un 1000

Il gigante americano di 2 metri e 11 è senza ombra di dubbio uno dei migliori nel tennis per quel che riguarda il servizio.

Solo nel 2021 ha avuto una media altissima di aces a partita: più di 17. Si può quindi dire che durante il secondo 1000 americano dovrebbe riuscire a raggiungere una cifra considerevole da donare in beneficenza, specialmente se riuscirà ad andare avanti il più possibile nel torneo.

Il 24enne ha cominciato la stagione in maniera positiva. A Dallas, poco più di un mese fa, ha vinto il suo terzo titolo in carriera superando Jenson Brooksby con un doppio 7-6. E’ reduce dagli ottavi di finale ad Indian Wells quando si è dovuto arrendere solo a Rafael Nadal e potrebbe essere, a Miami, uno dei possibili outsider della competizione.

Per quanto riguarda i Masters 1000 Opelka, la passata stagione, ha sfiorato il titolo alla Rogers Cup arrendendosi solo in finale contro l'attuale numero due al mondo Daniil Medvedev.