Atp Indian Wells - Il presente batte il futuro: Nadal supera Alcaraz. In finale Fritz



by   |  LETTURE 4561

Atp Indian Wells - Il presente batte il futuro: Nadal supera Alcaraz. In finale Fritz

Sarà Nadal-Fritz l’atto finale di questa edizione del Master 1000 di Indian Wells. Il campione maiorchino si impone sul connazionale Alcaraz col punteggio di 6-4 4-6 6-3, al termine di un estenuante battaglia durata 3 ore e 12 minuti.

Vittoria bella e convincente per il 24enne padrone di casa, che ha la meglio sul coetaneo Andrey Rublev (7-5 6-4)e si aggiudica la prima finale di un 1000 in carriera. Fritz dall’inizio di questo 2022 ha decisamente alzato il livello del proprio tennis e la 15esima posizione virtuale nel ranking ATP, raggiunta dopo il successo in semifinale, ne è la dimostrazione.

Per Nadal invece la finale, ottenuta dopo la maratona di quasi tre ore contro un formidabile Alcaraz, non sarà la prima: Rafa ne ha disputate “solo” altre 52 nei Master 1000 e l’opportunità di conquistare il 37esimo titolo, che gli consentirebbe di eguagliare il numero di successi di Novak Djokovic, è decisamente ghiotta.

Alcaraz sfiora l'impresa, Fritz più forte dei crampi

Il match di cartello del sabato californiano è sicuramente il derby iberico, lo scontro generazionale che il giornale spagnolo Marca aveva definito “Il re contro il principe”.

In un primo set da tennis paradisiaco, caratterizzato da un gioco condito di discese a rete, passanti, vincenti terrificanti per potenza e scambi estenuanti, pronti via e il principe Carlos brekka Re Rafa, portandosi sul 2-0, ma il 21 volte slam reagisce immediatamente e risponde con un parziale di 4-0.

Alcaraz ottiene un altro break nel settimo gioco e riporta il punteggio in parità, ma l’equilibrio del primo set si rompe definitivamente nel decimo game, quando Nadal, alla quinta palla break concessa dal “baby” spagnolo nel gioco, approfitta dell’errore dell’avversario per chiudere il primo parziale col punteggio di 6-4.

Nel secondo set il copione cambia, e il protagonista indiscusso diventa uno solo: il vento. Per quasi un’ora di partita i due spagnoli sono infatti chiamati a fare i conti con traiettorie anomale e il livello del gioco inevitabilmente si abbassa.

Sembrerebbero le condizioni adatte per il tennista con più esperienza, e invece ne approfitta quello che di partite a livello ATP ne ha giocate 65 con questa: Alcaraz, dopo 5 break vicendevoli tra il quinto e un interminabile nono gioco, tiene il servizio nel decimo e porta Rafa al terzo set.

Gli dei del tennis decidono che il set decisivo si debba decidere in condizioni normali e Eolo smette di soffiare sul deserto californiano. Il livello torna alto, altissimo. Quando pare che Alcaraz abbia qualcosa in più di Nadal a livello fisico, ecco che il 21 volte campione slam sale in cattedra e, nonostante un acciacco fisico al termine del settimo game, sfrutta quell’unica palla break concessa dal giovane connazionale e la trasforma in oro, chiudendo con un game di servizio a zero e firmando la 20esima vittoria consecutiva da inizio 2022.

Per Alcaraz è la seconda sconfitta in altrettanti incontri contro il tennista di Manacor. Una vera impresa quella di Taylor Fritz che, sostenuto dal suo pubblico, interrompe la striscia di 13 vittorie consecutive di Andrey Rublev (reduce dai titoli a Marsiglia e Dubai) e ottiene la prima finale master 1000 in carriera.

Partenza sprint dell’americano, il quale ottiene due palle per scappare due break sopra, ma che poi subisce la rimonta di un nervosissimo Rublev fino al 5-5. Nel 12esimo gioco, sul vantaggio Fritz, il russo affossa un dritto in rete e consegna il set all’avversario, continuando la sua personale autoflagellazione, partita da ripetute racchettate sul ginocchio e conclusasi con il sanguinamento della mano dopo ulteriori pugni contro la racchetta.

Il secondo set fila liscio come l’olio, con Rublev che può recriminare per un rovescio lungo linea terminato fuori di un unghia che gli sarebbe valso il break del 5-4. Nel decimo game il sogno dell’americano sembra svanire improvvisamente, quando un attacco di crampi inizia a tormentarlo, ma alcune gentili concessioni del russo lo portano a match point e con le ultime forze che ha Fritz riesce a piazzare la stoccata finale che gli vale la vittoria più importante della sua carriera.