Alexander Zverev, i social non perdonano. Tutti contro il tedesco



by   |  LETTURE 11322

Alexander Zverev, i social non perdonano. Tutti contro il tedesco

Alexander Zverev ha iniziato il 2022 con grandi aspettative, considerando quello corrente l’anno della sua consacrazione, ma fino a questo momento la stagione sta andando in maniera tutt’altro che positiva. Il numero tre del mondo quest’anno ha uno score nel tour ATP è 9-4 e non si è spinto oltre il quarto turno nel primo slam dell’anno in Australia (eliminato in tre set da Denis Shapovalov), ha perso la finale del torneo 250 di Montpellier contro Bublik ed è stato eliminato a sorpresa da Tommy Paul al secondo turno del Master 1000 di Indian Wells.

A condire il tutto il folle raptus nei confronti del giudice di sedia di Acapulco che gli è costato la squalifica dal torneo e una multa. Il tennista tedesco sta vivendo un periodo nerissimo, sia dentro che fuori dal campo.Tanti appassionati infatti non hanno accettato la decisione dell’ATP di non squalificare Zverev dopo i fatti di Acapulco e hanno sfruttato ogni occasione buona per sfottere il tennista tedesco sui social, compresa la recente eliminazione a Indian Wells per mano di Tommy Paul.

I tifosi contro Zverev sui social

In tanti hanno preso di mira il numero tre del mondo dopo la sua sconfitta al secondo turno. Più di un utente su twitter ha scherzato sul fatto che Paul, vista la mancata squalifica da parte dell’ATP, si sia preso personalmente la responsabilità di eliminare il tedesco.

Altri utenti hanno espresso addirittura godimento e soddisfazione nel vedere capitolare così presto il 24enne tedesco nel torneo giocato nel deserto californiano.

Qualcun altro invece ha completamente rigettato l’idea che Zverev possa essere l’erede al trono di Novak Djokovic, sostenendo che possa al massimo "annusare le scarpe di Medvedev", mentre un utente ha voluto sottolineare come la posizione in risposta di Paul, spesso con i piedi dentro al campo, abbia costretto Zverev ad una grande quantità di doppi falli.

Il tennista tedesco avrà però immediatamente la possibilità di uscire da questo periodo di difficoltà e rifarsi nel prossimo Master 1000, in programma a Miami settimana prossima.

Zverev, data l’assenza di Djokovic, sarà testa di serie numero 2. Il suo miglior risultato nel torneo americano è la finale raggiunta nel 2018, persa poi in tre set contro il padrone di casa John Isner.