I social condannano Zverev: "Una brutta persona che deve affrontare le conseguenze"



by GIANLUCA RUFFINO

I social condannano Zverev: "Una brutta persona che deve affrontare le conseguenze"

La decisione definitiva da parte dell’ATP sulla pena da infliggere ad Alexander Zverev per il suo sfogo ad Acapulco ha suscitato parecchia indignazione sui social da parte degli appassionati di tennis. Il tennista tedesco, numero 3 al mondo, era stato squalificato dall’ATP 500 di Acapulco per condotta violenta dopo aver sfogato la propria rabbia per un errore arbitrale colpendo ripetutamente la sedia del giudice con la propria racchetta.

Zverev si era successivamente scusato per il folle gesto e gli organizzatori del torneo messicano avevano perdonato il tennista tedesco. L’ATP, con un comunicato, ha annunciato che il numero 3 del ranking non sarà bandito da nessun torneo, ma servirà un periodo di prova di un anno.

Se riceverà qualsiasi violazione del codice durante questo periodo, sarà immediatamente sospeso da tutti gli eventi sanciti dall'ATP per otto settimane. Zverev è stato anche multato di altri 25.000 dollari da aggiungere alla sua multa originale di 40 mila dollari.

Zverev graziato: gli appassionati di tennis non ci stanno

La decisione dell’ATP di non squalificare Alexander Zverev è stata considerata debole ed inadeguata dai più, con tanti commenti polemici su Twitter.

“E immagino che l'ATP voglia ancora essere preso sul serio? In nessun altro posto di lavoro il suo comportamento sarebbe accettabile! È semplicemente senza palle. Avrebbero potuto creare un precedente che avrebbe avuto tanti cambiamenti positivi e invece si tirano indietro. Deludente a dir poco” ha twittato un’utente.

“Ha il permesso di essere fisicamente aggressivo verso l'arbitro e ottiene solo una pacca sul polso. Solo nel tennis. Quando si tratta dell'ATP, siamo nei giorni bui” ha polemizzato un’altra appassionata.

“Questa 'punizione' di Zverev è incredibilmente debole da parte dell'ATP. Anche una piccola sospensione effettiva di Indian Wells & Miami + un periodo di prova sarebbe almeno qualcosa.

Una sospensione di un anno di otto settimane + una multa di 25.000 dollari sospesa per un anno è inadeguata” ha twittato un altro fan. C’è chi ha definito Zverev addirittura “la cosa peggiore accaduta al tennis negli ultimi decenni”.

Anche David Kane, il produttore editoriale di Tennis Channel, si è chiesto sarcasticamente se l'ATP prenderà sul serio la questione degli abusi contro gli arbitri solo quando un giocatore finirà per ferirli gravemente in diretta TV.

“Ma onestamente, il precedente che questo stabilisce per ciò che non è sospendibile è assolutamente selvaggio. Se sbattere violentemente la racchetta contro un arbitro come un'arma mentre lo si fissa e si urlano oscenità non è da sospensione, cosa potrebbe superare il limite?” ha commentato un altro utente.

Gill Gross, che funge da conduttore su Tennis Channel, ha evidenziato la magra multa che è stata imposta a Zverev. “Alexander Zverev è stato multato per un totale di 65.000 dollari per quello che ha fatto ad Acapulco.

Nel 2021, il pagamento per aver perso al primo turno degli US Open era di 75.000 dollari. Neanche un'ammaccatura. La mia soluzione è sospendere i giocatori quando è necessaria una disciplina dura. Le multe non fanno molto in nessuno sport” ha scritto Gross.

C’è stato anche chi ha considerato Zverev il “golden boy” raccomandato dall’ATP.

“Il modo in cui sembra che Zverev se la sia cavata con quello che ha fatto ad Acapulco con solo una multa e il ritiro dal torneo. ATP smettete di proteggere il vostro 'golden boy' e rendetevi conto che è una brutta persona che ha bisogno di affrontare le conseguenze” ha scritto.

Zverev sarà dunque regolarmente in campo nel primo master 1000 della stagione, a Indian Wells, e se non dovesse partecipare Novak Djokovic, parteciperà da testa di serie numero 2.