Andrea Gaudenzi parla del futuro dell'Atp e come rendere il tennis più attraente



by   |  LETTURE 3268

Andrea Gaudenzi parla del futuro dell'Atp e come rendere il tennis più attraente

Andrea Gaudenzi, CEO e principale riferimento dell'Atp (Association of Tennis Professionals), continua a lavorare per la crescita del tennis, dopo aver affrontato diverse sfide difficili a livello internazionale negli ultimi anni, soprattutto a causa della pandemia.

L'ex tennista italiano è tornato a parlare in un'intervista rilasciata al portale tedesco Spox, illustrando una sorta di piano per il futuro: "Questo sport ha visto più cambiamenti negli ultimi due anni che negli ultimi venti.

I nostri giocatori, tornei e partner hanno mostrato grande agilità e resilienza in una situazione del tutto imprevedibile. Abbiamo lavorato a più stretto contatto con la Wta su alcune attività di marketing, anche insieme alle altre grandi organizzazioni, attraverso il lancio del gruppo di lavoro T7, composto dai quattro Grandi Slam, l'Itf, la Wta e l'Atp.

Tutto questo mi rende molto ottimista: il nostro sport può raggiungere grandi traguardi in futuro se tutti continuiamo a lavorare insieme. Per quanto riguarda il nostro piano strategico, la prima fase è incentrata sull'Atp stessa, sulla base di alcuni principi.

Al primo posto ci sono fiducia e trasparenza. È un'associazione tra i giocatori e i tornei. Affinché questa partnership cresca, entrambe le parti devono avere fiducia. Il fatto che daremo visibilità ai dati finanziari significa che gli eventi condivideranno i rapporti di audit con i giocatori e quindi riuniranno gli interessi di entrambe le parti in un modello pionieristico di condivisione degli utili" ha spiegato.

Le sue parole

Sull'unione dei sette organi prima citati: "Il mio più grande desiderio sarebbe che il tennis si evolvesse verso una governance e una leadership condivise, in cui sette organizzazioni collaborano per prendere decisioni e far progredire il nostro sport.

In questo momento quel processo decisionale è totalmente frammentato, che provoca inefficienza" ha aggiunto. Come rendere il tennis più attraente per le nuove generazioni: "Guardiamo cosa hanno ottenuto Netflix e la Formula 1 attraverso Drive to Survive.

Ecco perché siamo molto entusiasti di collaborare con Netflix su una docuserie sul tennis, insieme alla Wta e ai Grandi Slam. Il lancio avverrà nell'anno in cui il tennis ha così tante personalità brillanti, tanti grandi rivali e tante storie da raccontare...

Sarò felice se riusciremo ad attirare nuovi fan con questa formula e attraverso questi contenuti" ha concluso.