L'ATP prende posizione sulla guerra in Ucraina: cancellato il primo torneo



by ANTONIO FRAPPOLA

L'ATP prende posizione sulla guerra in Ucraina: cancellato il primo torneo

L’invasione russa dell’Ucraina è iniziata nella notte fra il 23 e il 24 febbraio, quando Vladimir Putin ha autorizzato “un’operazione speciale” per smilitarizzare il Paese e messo in crisi l’intera Europa.

Alcuni personaggi illustri del mondo del tennis, in particolare i giocatori russi, si sono espressi sulla preoccupante vicenda. Daniil Medvedev, che dal prossimo lunedì diventerà il nuovo numero uno del mondo, e Andrey Rublev hanno ricevuto diverse critiche negli ultimi giorni.

Entrambi hanno ribadito che non hanno nulla a che fare con quello che sta succedendo e lanciato segnali di pace. “In questi momenti la mia partita non conta, quello che sta succedendo è terribile. Capisci quanto sia importante la pace nel mondo, e rispettarsi gli uni con gli altri, non importa chi siamo, ed essere uniti” , ha spiegato Rublev in conferenza stampa.

“Dobbiamo avere cura della Terra e del nostro prossimo. In queste ore molti mi hanno attaccato su internet solo perchè sono russo, ma anche se mi tirano pietre io voglio mostrare che sono per la pace. Non sono più per essere aggressivo o altro” .

Medvedev, da parte sua, ha dichiarato: “In questa fase capiremo che il tennis a volte non è così importante. Come tennisti noi promuoviamo la pace il tutto il mondo. Sono stato in tanti Paesi diversi fin da quando ero juniores e non è facile per me sentire tutte queste notizie.

Io sono per la pace” .

L'ATP cancella il primo torneo a causa della guerra in Ucraina

Il conflitto iniziato in Ucraina ha avuto diverse ripercussioni nel mondo dello sport. I dirigenti dell’Uefa hanno annunciato che la finale della Champions League non si disputerà più a San Pietroburgo ma a Parigi.

“La finale di Champions League 2022 si sposterà da San Pietroburgo allo Stade de France di Saint-Denis. La partita si giocherà come inizialmente previsto sabato 28 maggio alle 21” , si legge nel breve comunicato.

Anche l’ATP ha adottato le prime misure e ha deciso di cancellare il Challenger di Mosca, in programma dal 28 febbraio al 6 marzo. “A causa dei rischi per la sicurezza dei giocatori e dell’incertezza riguardante i viaggi internazionali successivamente alla recente escalation degli eventi tra Russia e Ucraina; il torneo Atp Challenger della prossima settimana a Mosca non andrà in scena come previsto” .