Atp Buenos Aires - Sonego si ferma in semifinale. Rotterdam, sarà Tsitsipas-Aliassime



by   |  LETTURE 3418

Atp Buenos Aires - Sonego si ferma in semifinale. Rotterdam, sarà Tsitsipas-Aliassime

Lotta dall'inizio alla fine del match, vendendo cara la pelle; la prestazione mostrata in campo non è però sufficiente per piegare il padrone di casa Diego Schwartzman, testa di serie numero 2 del torneo. Lorenzo Sonego ferma in semifinale la sua corsa nell'Atp '250' di Buenos Aires, mancando l'occasione di disputare l'atto conclusivo della competizione e assicurarsi con certezza la top 20 nel ranking mondiale.

Un match pieno di break, coi due giocatori che non si sono di certo risparmiati: nel primo set l'azzurro è costretto a rincorrere ma è bravo a strappare la battuta al sudamericano sul 4-5 e allungare la partita.

Ai vantaggi l'italiano si fa nuovamente sorprendere, commette un doppio fallo sanguinoso su palla break e cede il servizio. Questa volta 'El Peque' sfrutta l'occasione e chiude 7-5. Nel secondo parziale l'argentino prende il comando delle operazioni, portandosi avanti 3-0 con due break di vantaggio.

Reazione immediata e d'orgoglio di Sonego, che riesce con un parziale netto di 6-0 ad aggiudicarsi il set (6-3). Il secondo gioco del terzo probabilmente condanna l'azzurro: tira e molla fra palle game e break, alla fine Schwartzman strappa la battuta.

Sonego si spegne come nel secondo parziale, finendo sotto 5-0: questa volta la rimonta è più complicata e difficile, Diego fa suo il parziale per 6-2 e festeggia davanti al proprio pubblico. Sfiderà in finale il norvegese Casper Ruud, numero uno del tabellone, che si è sbarazzato di Federico Delbonis con un doppio 6-3 con pochi problemi nel corso dell'incontro.

Un azzurro ci arriva comunque in finale a Buenos Aires: è Fabio Fognini con l'argentino Zeballos che domenica si giocheranno la finale di doppio del torneo contro la coppia composta da Molteni e Gonzalez.

A Rotterdam 'piccola' sorpresa

Sarà tra Stefanos Tsitsipas e Felix Auger-Aliassime la finale del torneo Atp di Rotterdam, una finale ricca di talento.

Il greco fatica più del previsto contro la vera rivelazione del torneo, il carnefice di Lorenzo Musetti Lehecka. Match che vede il tennista ceco iniziare benissimo con un break nel terzo game e diverse opportunità nel primo parziale, Stefanos è bravo a restare in gara ma finisce 6-4.

Nel secondo set Tsitsipas resta aggrappato al match e sfrutta la tensione avversaria nel decimo game che regala break e set al greco. Nel terzo set Lehicka molla, Tsitsipas si porta subito avanti e chiude in quasi due ore con un chiaro 6-2 nel terzo parziale.

Dall'altra semifinale arriva una 'piccola' sorpresa: il canadese Felix Auger-Aliassime, tra i tennisti più in forma del momento, vince in rimonta su Andrey Rublev e chiude in due ore e ventidue di gioco con il risultato di 6-7;6-4;6-2.

Dopo aver vinto il tie-break del primo set, il russo ha diverse chance non sfruttate per ottenere il break, Felix risponde togliendo il servizio dell'avversario al nono game e portando cosi la gara al terzo. L'incontro cambia strada e il canadese si guadagna l'opportunità di provare a vincere il suo primo titolo Atp.

Dallas, dominio statunitense. A San Pietroburgo tutto secondo pronostico

Come prospettato dalla vigilia, l'Atp '250' di Dallas è preso d'assalto dagli Stati Uniti: tutti americani i tennisti arrivati in semifinale.

I big server John Isner e Reilly Opelka arrivano per due volte al tie-break, conquistati in entrambe le occasioni dal 24enne numero 2 del tabellone: il primo per 9-7, il secondo lunghissimo 24-22. Opelka dovrà vedersela col giovane Jenson Brooksby, abile a regolare dopo una grande battaglia il connazionale Giron per 6-4:6-7;7-6.

Le due principali teste di serie si contenderanno il Wta '500' di San Pietroburgo: la greca Maria Sakkari fatica più del previsto a regolare la rumena Begu (6-4;6-7;6-4), mentre l'estone Anett Kontaveit non ha problemi con Ostapenko (6-3;6-4). Photo credit: Getty Images.