Kei Nishikori svela il suo 'strano' allenamento in vista della nuova stagione



by   |  LETTURE 3571

Kei Nishikori svela il suo 'strano' allenamento in vista della nuova stagione

Kei Nishikori è sicuramente uno dei tennisti più sfortunati del circuito. Il nipponico, ex numero 4 del mondo, è a detta di molti colleghi uno dei giocatori più forti in circolazione, ma negli ultimi anni non è riuscito a dimostrare il suo valore al 100%, complici i tantissimi infortuni che hanno condizionato la sua carriera.

Il 31enne giapponese, vincitore di 12 tornei ATP, ha anche disputato la finale degli US Open 2014, persa contro il croato Cilic. Recentemente anche Nadal, in un’intervista rilasciata a Number One, ha tessuto le lodi del tennista giapponese.

“Kei è ovviamente un top player avendo giocato per molto tempo nel Tour. Purtroppo è stato ostacolato da ripetuti infortuni. Senza questi infortuni può essere sicuramente uno dei primi cinque giocatori e fare regolarmente le semifinali negli Slam” ha dichiarato Rafa.

Nel 2021 in particolare, Nishikori ha giocato pochissimo, disputando la sua ultima partita al master 1000 di Indian Wells ed ha dovuto dare forfait a San Diego, Vienna, ai Masters di Parigi e Stoccolma. Adesso il 31enne occupa la 47esima posizione del ranking mondiale.

Nishikori spera di poter rientrare nel 2022, e sta già preparando la nuova stagione per provare a tornare competitivo. Il giapponese, durante la sua apparizione ad un evento Wilson Tennis Japan, ha parlato della sua infanzia e dei suoi curiosi allenamenti.

Nishikori: “Da bambino colpivo sempre le palle sul muro della casa vicina”

Il nipponico ha raccontato i suoi allenamenti di gioventù con il sorriso. “Quando ero bambino colpivo sempre le palle contro il muro dopo la scuola, ma il muro di casa mia era un po' basso, quindi colpivo contro il muro della casa vicina di nascosto sperando che i vicini non tornassero a casa prima!” ha rivelato Nishikori.

Il tennista, eliminati ai quarti di finale delle olimpiadi di casa, ha poi dichiarato di essere rimasto deluso dalla mancanza di gente sugli spalti causa covid: “Di solito non mi dà fastidio giocare senza spettatori, posso rimanere concentrato anche a porte chiuse, ma solo per le Olimpiadi, avrei voluto avere la folla”.

Il giapponese è però adesso pronto a tornare e carico per la prossima stagione: “È stato un anno lungo, vengo da un infortunio e non vedo l'ora che arrivi l'offseason. Inoltre, non vedo l'ora di avere un forte allenamento precampionato per rendere il 2022 un grande anno. Grazie per tutto il supporto” ha concluso Kei.