Mouratoglu spiega il motivo della sconfitta di Daniil Medvedev alle Atp Finals



by   |  LETTURE 2611

Mouratoglu spiega il motivo della sconfitta di Daniil Medvedev alle Atp Finals

La finale delle ATP Finals di Torino tra Zverev e Medvedev ha entusiasmato tutti, compreso l’allenatore francese di origini greche e commentatore sportivo Patrick Mouratoglu, che negli anni ha allenato Serena Williams (dal 2012), Tsitsipas (dal 2018) e Coco Gauff (dal 2018), il quale ha commentato su Twitter le gesta dei due giocatori durante tutto il match.

Mouratoglu:“Daniil è più lento del solito oggi”

Zverev ha brekkato Medvedev una volta in ogni set e non ha concesso al russo una sola palla break per vincere il suo secondo titolo ATP Finals. "Daniil è più lento del solito oggi sia nel gioco di piedi che nell'esecuzione dei colpi.

Il suo punto di battuta del dritto è spesso più indietro. Questo spiega perché non "sente" bene i suoi colpi", ha twittato Mouratoglou. L’allenatore francese, fin dal prematch, scriveva su Twitter: “Rivalità molto eccitante!

Non vedo l'ora di vedere la partita”, in attesa di gustarsi l’incontro tra i due tennisti più in forma del circuito. Mouratoglu ha poi adorato le parole di Zverev a fine partita. Il tedesco ha dichiarato di essere entusiasta per il trofeo conquistato, ma allo stesso tempo di essere già concentrato per la prossima stagione.

"Amo l'ambizione di Sascha. Ha appena vinto il Masters e già guarda al prossimo anno" ha detto Mouratoglu in un altro tweet. Decisamente più deluso Daniil Medvedev. "Non mi sono sentito incredibile.

Difficile da dire. Forse un po' di stanchezza del corpo. Forse mentalmente non era al cento per cento. Non che non volessi esserlo. Ma, sì, sicuramente qualcosa mancava. Onestamente non ho la risposta”. ha dichiarato il russo, che poi ha fatto i suoi complimenti all’avversario.

"Ha fatto la differenza. Sascha è un grande giocatore, in grado di strapparmi il servizio due volte. Quando giochi in una finale del Masters su una superficie veloce, qualcuno che serve come Sascha, è sufficiente per vincere la partita"