Atp Finals Torino - Sinner, dedica a Berrettini e Top 10. Strapazzato Hurkacz



by   |  LETTURE 3495

Atp Finals Torino - Sinner, dedica a Berrettini e Top 10. Strapazzato Hurkacz

Hubert Hurkacz rientra prepotentemente nel destino di Jannik Sinner. Subentrato a Matteo Berrettini - costretto ad alzare bandiera bianca a causa di un problema addominale - il talentino azzurro domina Hubert Hurkacz (che lo aveva superato in finale a Miami ad aprile) e si regala quanto meno una chance.

Per acciuffare la semifinale dovrebbe ovviamente vincere contro Daniil Medvedev (già qualificato) e parallelamente sperare nella vittoria di 'Hubi' contro Alexander Zverev. Difficile ma non impossibile. Sinner - dopo Berrettini - diventa quindi il secondo tennista italiano nella storia a vincere una partita nel torneo dei maestri.

Chiuderà la stagione tra i primi dieci giocatori del mondo: scavalcato al fotofinish Felix Auger Aliassime.

Sinner è perfetto: dedica a Berrettini

Hurkacz tenta con ogni mezzo di allungare il numero degli scambi prolungati e soprattutto di non dare punti di riferimento da fondocampo.

Il piano tattico si rivela piuttosto fallimentare. Il tennista azzurro, che serve bene e che amministra la faccenda negli scambi prolungati, cancella una palla break nel game inaugurale e assesta la spallata decisiva in quello immediatamente successivo.

Il resto è un contorno del tutto necessario. 'Hubi' muove il punteggio solamente in un altro caso e anche in avvio di secondo non apporta particolari migliorie al piano tattico. Addirittura - sotto di un break - si ritrova a rimediare a una quasi disperata situazione di 15-30.

Sinner, che irrobustisce il vantaggio nel sesto game, acciuffa un altro break, schizza sul 5-2 e certifica il successo con una splendida soluzione nei pressi della rete sul 15-30. Alla fine di una prestazioni ai limiti della perfezione anche la dedica a Sinner.

"Matteo sei un idolo" la firma sulla telecamera.

Medvedev in semifinale: Zverev deve vincere contro Hurkacz (se vince anche Sinner)

Alexander Zverev e Daniil Medvedev - che con ogni probabilità occuperano in fasce orarie differenti il Pala Alpitour nella giornata di sabato - nella seconda giornata del Red Group si ritrovano a giocare punto-a-punto lo scontro numero undici nel circuito maggiore.

Il tennista russo, che pare in totale controllo della faccenda per un set e mezzo, si ritrova al terzo. E nonostante il 90% di prime palle in campo si ritrova a cancellare anche una palla break sul 5-5. Zverev non sfrutta però un mini-vantaggio di 3-1, cancella una manciata di set point sul 4-6, ma fa praticamente in tempo a rispondere sul 6-7. Il 6-3 6-7(5) 7-6(6) finale è praticamente una conseguenza logica. Photo Credit: Getty Images