Next Gen Atp Finals - Musetti si sveglia tardi, vince Baez. Ok Nakashima e Alcaraz



by   |  LETTURE 2313

Next Gen Atp Finals - Musetti si sveglia tardi, vince Baez. Ok Nakashima e Alcaraz

La sveglia suona tardi per Lorenzo Musetti sotto il tetto del Palalido di Milano. Il talentino azzurro - reduce da un periodo piuttosto negativo - non riesce a trovare armi sufficientemente valide per abbattere la resistenza del brillante Sebastian Baez.

Il toscano, che non ottiene punti facili con la prima palla e che manca di varietà da fondocampo, vince solamente due dei primi dieci game e si ritrova in una situazione di punteggio piuttosto scomoda nel terzo mini-parziale.

Anche se in qualche modo rimane in qualche modo agganciato al punteggio e certifica il pari sul 2-2 con un turno di battuta praticamente impeccabile. 'Muso' acchiappa il tie break, lo vince, resiste in maniera impeccabile nel quarto, ma nel jeu decisif paga una falsa partenza.

Baez schizza sul 4-1 e nonostante un errore piuttosto banale con il rovescio sul 4-3, ripristina il vantaggio con una coraggiosissima discesa a rete e ribadisce la superiorità di giornata sul 5-5 con lo stesso identico schema.

Il 4-1 4-1 3-4(5) 4-3(5) è praticamente una conseguenza logica. Il tennista azzurro giocherà immediatamente una partita da dentro-o-fuori con Hugo Gaston. Reduce parallalemente dalla sconfitta in cinque contro Sebastian Korda.

Costretto a recuperare due set di svantaggio e ad agganciare al tie break la quarta frazione.

Alcaraz e Nakashima non steccano la prima

Nessuna sorpresa nella parte iniziale di giornata. Anche se Brandon Nakashima intervalla con un buco nel secondo mini-set il 4-1 4-0 4-1 finale.

Niente da fare per Juan Manuel Cerundolo, che insieme al successo a Cordoba (da qualificato) ha racimolato la stragrande maggioranza dei punti nel circuito maggiore e sulla terra. Basti pensare che nell'unico tentativo non-rosso (nel tabellone cadetto dei Championships) ha perso in tre set contro Enzo Couchard.

Tutto come da programma per il favorito del gruppone, Carlos Alcaraz, che nella sfida 'diciottenne' con Holgar Rune di problemi concreti ne ha solamente nella mini-frazione inaugurale. Lo spagnolo, che non sfrutta una manciata di set point ai piedi del tie break, spezza gli equilibri alla settima opportunità utile e gestisce poi la faccenda fino al 4-3(6) 4-2 4-0. Photo Credit: Getty Images