Atp Sofia - Sinner, comincia bene la difesa del titolo: battuto Gerasimov in due set



by   |  LETTURE 2035

Atp Sofia - Sinner, comincia bene la difesa del titolo: battuto Gerasimov in due set

La rincorsa di Jannik Sinner alle Finals di Torino riparte dal ‘250’ di Sofia. Anche se il distacco da Casper Ruud (e soprattutto da Hubert Hurkacz) rimane importantissimo. Con la targhetta del ‘defending champion’ il talentino azzurro abbatte la resisenza dello ‘specialista’ Egor Gerasimov con un rocciosissimo 6-2 7-6(3).

Anche se ha bisogno di recuperare un break di svantaggio ai piedi del terzo. Sinner se la vedrà ai quarti di finale – i dodicesimi in carriera, i settimi in stagione – con James Duckworth. Giustiziere di Benoit Paire e reduce dalla vittoria del precedente in Canada.

Sinner cancella tre palle break nel corso del secondo turno di battuta e risale dal 15-40 sul 4-2. Nel mezzo, come da programma, domina il confronto da fondocampo e soprattutto ottiene quasi il 90% dei punti con la prima palla.

Gerasimov – che si lascia condizionare dalle circostanze – non riesce nemmeno a darsi la possibilità di rispondere per rimanere nel set. Il bielorusso, che tenta di apportare delle migliorie al piano tattico, non sfrutta una chance per il 2-0 e si trova costretto a cancellare una palla per il 4-2.

Anche se la partita si accende realmente solo ai piedi del jeu decisif. Sinner, che accatasta la stragrande maggioranza degli errori nel nono game, ricompatta il punteggio sul 5-5 e addirittura si procura due match point sul 6-5.

Per trovare una soluzione ai problemi, il ventenne azzurro ha bisogno degli straordinari anche nel rush decisivo. Decisivo il braccio di ferro a cui sopravvive sul 5-3 e che si trasforma rapidamente in un 7-3. Da registrare nel day-4 il forfait di Ilya Ivashka – che lascia strada libera a Gael Monfils, in rotta di collisione con il ‘nostro’ Gianluca Mager ai quarti – ma anche la netta vittoria nel derby serbo di Filip Krajinovic ai danni di Laslo Djere.

Nella lista delle sorprese solo il passo falso di Alex de Minaur, battutto nella sfida dei tie break da Marcos Giron. Photo Credit: Getty Images