Atp Cincinnati - Zverev batte Rublev e completa l'opera: 5° successo 1000 in carriera



by   |  LETTURE 2167

Atp Cincinnati - Zverev batte Rublev e completa l'opera: 5° successo 1000 in carriera

Dopo la medaglia più pregiata a Tokyo, anche il successo a Cincinnati. Il quinto in un ‘1000’ in carriera. Alexander Zverev, reduce tra le altre cose dalla rimonta ai danni di Stefanos Tsitsipas, domina la finale contro l'amico-rivale Andrey Rublev.

Il tedesco ha bisogno di appena cinquantanove minuti per sigillare il successo sul 6-3 6-2 e per superare addirittura Daniil Medvedev, che di successi nella categoria ne vanta quattro. Davanti a ‘Sascha’ adesso – tra i giocatori in attività – ovviamente solo Novak Djokovic, Rafa Nadal, Roger Federer e Andy Murray.

Insomma: forte di un mega-vantaggio di 6-2 5-2 (impreziosito tra le altre cose da sedici colpi vincenti e da appena sei errori non forzati) Zverev lascia per strada il servizio. Poco male. Rublev, totalmente a corto di idee, non riesce a rimettersi in scia e nemmeno a rendere il passivo accettabile.

Il 6-2 6-3 finale è praticamente una conseguenza logica. La distanza dalla terza casella del ranking, occupata proprio da Tsitsipas, si è assottigliata a centodieci punti.

Winston Salem: passa Cecchinato, out Travaglia, ritiro Kyrgios

Con una prestazione praticamente impeccabile – presumibilmente una delle migliori sul duro – Marco Cecchinato supera il taglio del primo turno nel ‘250’ di Winston Salem.

Ultimo appuntamento prima degli Us Open nel circuito maggiore. ‘Ceck’ vince sostanzialmente 33 dei 36 punti disponibili con la prima palla, mette a segno 11 ace e spalma in maniera chirurgica i due break che gli consentono di affacciarsi sul 6-4 6-4 dopo poco più di novanta minuti di gioco.

Ad attenderlo al secondo turno Domenik Koepfer. Niente da fare per Stefano Travaglia, battuto in tre set da Mikael Ymer, nella parte finale di giornata ‘salta’ anche la sfida di cartello tra Andy Murray e Nick Kyrgios.

Il tennista australiano, con un forfait last-minute, lascia infatti spazio a Noah Rubin che reduce dal match-qualificazione con Lucas Pouille fa appena in tempo a smuovere lo zero dalla casella dei game e a raggiungere quota due. Tutto facile per ‘Sir Andy’ adesso in rotta di collisione con Frances Tiafoe. Photo Credit: Getty Images