Atp Cincinnati - Aliassime 'domina' Berrettini, Sonego mette paura a Tsitsipas



by   |  LETTURE 3791

Atp Cincinnati - Aliassime 'domina' Berrettini, Sonego mette paura a Tsitsipas

Non va oltre gli ottavi di finale l’avventura di Matteo Berrettini nel ‘1000’ di Cincinnati. Reduce dalla prima vittoria Post-Wimbledon, il numero uno del gruppo Italia in realtà non riesce mai opporre una reale resistenza nella sfida con Felix Auger Aliassime.

Personaggio che aveva battuto nei due precedenti, curiosamente tutti sul verde. Insomma: il talentino canadese vince quasi il 100% dei punti con la prima palla (30/33 per essere precisi) ma soprattutto gestisce in maniera straordinariamente ordinata la situazione da fondocampo.

Manco a dirlo non sfrutta una situazione iniziale di 2-0, ma flirta nuovamente col break a cavallo tra il sesto e l’ottavo gioco e assesta la spallata decisiva sul 5-4. A fare la differenza nel secondo è un early-break che ovviamente Aliassime custodisce fino alla fine.

Alla soglia dei novanta minuti di gioco il 6-4 6-3 è praticamente una conseguenza logica. Ad attendere il canadese ai quarti di finale, i primi in Ohio, ci sarà Stefanos Tsitsipas. Costretto agli straordinari da una versione deluxe di Lorenzo Sonego.

Il greco ha infatti bisogno di recuperare un set di svantaggio e di alzare notevolmente il numero dei giri da fondocampo per scardinare la difesa del tennista azzurro. Probabilmente a corta di lucidità nelle scelte tattiche nella fase iniziale del terzo.

‘Tsitsi’ che una marea di chance per irrobustire il vantaggio nel finale, chiude ‘solo’ sul 5-7 6-3 6-4 dopo più di due ore e trenta minuti di gioco.

Medvedev passeggia, Paire fa sul serio

Tutto facile per Daniil Medvedev, che si sbarazza di Grigor Dimitrov con un doppio 6-3, si infila nella porzione di tabellone del ‘numero uno’ Pablo Carreno Busta.

Giustiziere di Hubert Hurkacz. Nonostante le polemiche, Andrey Rublev abbatte la resistenza di Gael Monfils con il medesimo score e si guadagna la sfida ai quarti di finale con il ritrovato Benoit Paire. Il tennista francese, che dalla ripartenza del circuito nel 2020 si era semplicemente limitato a staccare assegni, in Ohio accatasta tre vittorie da superstar.

Rispettivamente ai danni di Miomir Kecmanovic, Denis Shapovalov e John Isner. Completamente a corto di energie nel terzo set. Assolutamente povero di problemi il pomeriggio di Alexander Zvere, a valanga su Guido Pella e adesso in rotta di collisione con Casper Ruud. Assai competitivo, ormai, anche sul duro. Photo Credit: Getty Images