Atp Toronto - Sinner a corto di energie: passa Duckworth. Rublev elimina Fognini



by   |  LETTURE 2429

Atp Toronto - Sinner a corto di energie: passa Duckworth. Rublev elimina Fognini

La stanchezza chiede comprensibilmene il conto a Jannik Sinner. Reduce dal successo a Washington, manco a dirlo il più pregiato in carriera, il talentino azzurro non riesce a superare il taglio del secondo turno sul cemento di Toronto.

Ad affrontare Daniil Medvedev agli ottavi di finale sarà quindi James Duckworth. Il tennista australiano, complici le circostanze, gioca una partita praticamente perfetta. Il break che traccia la differenza nel cuore della prima frazione arriva dal 40-0 e non lascia sostanzialmente spazio ad altri sussulti.

Sinner, che tra le altre cose si difende con il 41% di prime palle in campo, si spegne completamente nel settimo game e ovviamente non trova armi sufficientemente per rientrare. Il 6-3 6-3 che matura alla soglia dei novanta minuti di gioco è praticamente una conseguenza logica.

Un buon Fognini non è sufficiente: al terzo turno Rublev

Dopo il faticosissimo successo ai danni di Jan Lennard Struff, Fabio Fognini sbatte invece contro Andrey Rublev. Il russo, che concentra la stragrande maggioranza delle difficoltà nel corso della frazione inaugurale, chiude sul 7-6(4) 6-3 e si garantisce di fatto quanto meno un posto agli ottavi di finale.

Qualità e quantità viaggiano sostanzialmente sullo stesso binario nel corso della prima frazione. Fognini, che tenta di amministrare la faccenda da fondocampo e che trova un buon sostegno anche dalla prima di servizio, non mantiene comunque il break di vantaggio che aggancia nel sesto game, ma paga presumibilmente anche un pizzico di malasorte nel jeu decisif.

Rublev si cava fuori dai guai con una splendida soluzione di rovescio sul 4-4 e soprattutto dà un bacetto al nastro nel punto immediatamente successivo. Il primo set point si rivela tra le altre cose quello buono per mettere la testa avanti.

Fognini, che si trova costretto ai vantaggi in due dei primi tre turni di battuta, non riesce ad affacciarsi sul 4-4. Chiamato a servire per mettere in cassaforte il successo, Rublev chiude alla seconda opportunità utile.

Da registrare la vittoria di Stefanos Tsitsipas, che spreca cinque match point nel corso del secondo set contro Ugo Humber, decisamente più fresco nel terzo. Nel lotto delle sorprese ci finisce invece il passo falso di Felix Auger Aliassime contro Dusan Lajovic. Photo Credit: Getty Images